In questo articolo si parla di:

A distanza di sei mesi dalla notizia che ha stravolto e appassionato trasversalmente il mercato, dagli addetti ai lavori ai fans, esce ufficialmente oggi, 30 Giugno, la collezione nata dalla collaborazione tra Louis Vuitton e Supreme. Un vero clash culturale e intergenerazionale che esprime alla perfezione quello che è successo negli ultimi anni nel settore moda: l’incontro tra premium e sportswear, lusso e street.

Presentata lo scorso gennaio durante la fashion week parigina con una sfilata che ha rischiato di far cadere l’Internet, la collezione è comosta da oltre 50 pezzi, opportunamente suddivisi tra tutte le categorie merceologiche storicamente più amate dai fans del brand newyorkese: dalle giacche ai portachiavi, passando per felpe, pantaloni, sneakers e tavole da skateboard, con items immancabili come la famigerata maglietta “box logo” o gli accessori da viaggio.

Mentre il design e la produzione sono stati frutto di una equilibrata joint-venture tra entrambi i brand (buona parte dell’abbigliamento è stato realizzato da Supreme in USA mentre gli accessori dal gruppo LV in Francia), la fascia prezzi è decisamente sbilanciata sugli standard di Louis Vuitton, con giacche sui 3500 €, maglietta “box logo” 390 € (circa 10 volte del prezzo retail di una “normale” box-logo), fino ad arrivare a nuovi case-studies di settore come lo Skateboard Trunk da 40.000 €.

Per quanto riguarda la vendita, i due colossi dei rispettivi settori hanno scelto di realizzare 8 pop-up shop strategicamente posizionati in tutto il mondo, dagli USA all’Asia  passando per l’Europa e l’Australia, mentre non sarà utilizzato l’online per evitare hackeraggi e sicure cadute dei rispettivi server, così come non sarà possibile acquistare alcun pezzo della collezione nei rispettivi negozi monomarca per questioni di ordine pubblico.

Qui sotto nella gallery uno sguardo a tutti i pezzi della collezione.