In questo articolo si parla di:
5 Dicembre 2017

A distanza di pochi giorni dalla notizia che Luciano Benetton (uno dei quattro fratelli fondatori del gruppo) tornerà, all’età di 82 anni, a guidare la società, debuttano in questi giorni i primi scatti della nuova campagna curata da Oliviero Toscani.

Un sodalizio, quello tra il fotografo e il gruppo trevigiano, partito esattamente 35 anni fa e che nel corso dei primi 18 anni di collaborazione ha plasmato il mondo della comunicazione trasformando la pubblicità in un mezzo per parlare dei problemi del mondo, di razzismo, fame nel mondo, pena di morte, AIDS, religione, sesso, guerra, violenza. Conclusasi nel 2000, la collaborazione torna oggi protagonista sulla stampa nazionale ed estera con due fotografie che affrontano il tema dell’integrazione.

“Il problema del mondo attuale è l’integrazione”, ha detto Toscani. “Il futuro si giocherà su quanto e come sapremo usare la nostra intelligenza per integrare il diverso, superando le paure”.

Le due immagini – una che ritrae una classe di 28 bambini sorridenti, di 13 nazionalità da quattro continenti e l’altra di dieci bimbi, dal Burkina Faso alle Filippine, dall’Italia al Senegal, riuniti attorno a una maestra che legge Pinocchio – sono le prime uscite di un progetto più ampio sul tema dell’integrazione, che Toscani porterà avanti da Fabrica, il centro di ricerca sulla comunicazione del gruppo Benetton.