In questo articolo si parla di:

Lo stilista britannico Christopher Bailey lascia la guida creativa di Burberry dopo ben 17 anni e lo farà dopo aver mandato in passerella la sua ultima collezione durante la fashion week londinese

La collezione S/S 2018, che sfilerà nel consueto format see now- buy now all’insegna di una maggiore accessibilità per volontà dello stesso Bailey, proporrà il classico motivo check che ha reso celebre la maison inglese in una versione arcobaleno, che vuol essere un chiaro omaggio alla comunità LGBT.

E proprio l’arcobaleno sarà il filo conduttore della proposta Burberry per la stagione estiva , con i capi della collezione che saranno acquistabili subito dopo la sfilata. Ma non si è limitata a questo, effettuando cospicue donazioni in favore di alcune fra le organizzazioni più attive  nella sensibilizzazione della causa LGBT nel mondo tra i quali Trevor Project e Albert Kennedy Trust .

La mia ultima collezione per Burberry è dedicata ad alcune delle migliori e più illustri organizzazioni votate al sostegno della gioventù LGBTQ+ nel mondo. Non c’è mai stato un momento più importante per dichiarare che la nostra forza, e la nostra creatività, nascono proprio dalla diversità”, ha dichiarato Bailey.

Baliley che, al di là di ogni retorica, non sarà più al timone del marchio per svariate ragioni, prima fra tutte quella di una strategia di investimenti che non ha sortito i risultati previsti nel momento di tirare le somme. Il che fa pensare abbastanza se si pensa che il creativo si sia prodigato lungamente affinché il marchio con il motivo check tra i più riconosciuti potesse diventare patrimonio di una clientela che non fosse quella dei cosiddetti “chavs”, traducibile con il nostro “tamarri”. Ma purtroppo, quando il focus della creatività diventa il ‘dover fatturare’ ad ogni costo,  spesso succede esattamente l’opposto.