In questo articolo si parla di:
Berluti saluta Haider Ackermann

Berluti annuncia la partenza del suo direttore artistico Haider Ackermann.

Questo il saluto di Antoine Arnault, CEO della maison: “Haider è stato al centro dell’evoluzione delle collezioni e dell’immagine di Berluti in queste ultime stagioni, voglio ringraziarlo per tutto ciò che ha compiuto dal suo arrivo: la sua sensibilità per i materiali, i colori, e i suoi spettacoli meravigliosi saranno sempre legati alla storia della casa”.

Berluti, fondata a Parigi nel 1895, è stata costruita da quattro generazioni di calzolai. Nel 2005 sono stati introdotti i prodotti in pelle fine e, nel 2011, una collezione completa di abbigliamento.

Haider Ackermann risponde così alle belle parole di Arnault: “Sono immensamente fiero di aver potuto mettere la mia creatività al servizio di questa casa con un eccezionale know-how, lavorando ogni giorno a fianco di un team appassionato che ringrazio per l’impegno profuso”.

Il successore di Ackermann è stato presto individuato nel belga Kris Van Assche, nominato nuovo direttore artistico. Proprio Van Assche, che da poco era stato sostituito alla guida di Dior Homme da Kim Jones.

Il comunicato di Dior anticipava infatti che Kris Van Assche avrebbe continuato a collaborare all’interno del gruppo Lvmh. Lo stilista presenterà la sua prima collezione per la griffe a gennaio 2019, durante la fashion week maschile di Parigi.

“Ho sempre voluto creare ponti tra il savoir-faire, l’heritage di una maison e il mio tocco contemporaneo – ha dichiarato Van Assche in una nota ufficiale -. Antoine Arnault mi ha parlato delle sue ambizioni per Berluti ed è con immenso piacere che accetto questa nuova sfida, che si adatta perfettamente alla mia volontà e alla mia visione”.