In questo articolo si parla di:

Nonostante gli ottimi risultati dell’ultima edizione svoltasi a cavallo degli scorsi mesi di agosto e settembre, Zalando ha comunicato ufficialmente che il Bread&&Butter di Berlino non sarà organizzato per il prossimo anno.

L’annuncio è arrivato durante un’intervista di David Schneider, co-fondatore del colosso dell’eCommerce Zalando, che ha acquistato il format del “salone dello streetwear” nel 2015.

L’evento è stato organizzato nella sua originale forma B2B dal 2001 fino alla sua chiusura nel 2014 diventando la principale fiera legata allo streetwear in Europa, attirando brand e buyer da tutto il mondo ed arrivando a rivaleggiare con gli eventi omologhi organizzati negli Stati Uniti (sulla cui base sono nati gli odierni Agenda e ComplexCon).

Con l’arrivo di Zalando, a partire dall’edizione 2016 Bread&Butter è cambiato diventando un festival B2C mixando eventi musicali e culturali alla presentazione delle nuove collezioni da parte dei diversi marchi invitati.

L’ultima edizione svoltasi nell’estate del 2018 aveva visto il numero dei visitatori salire a 35000, rispetto ai 30000 dell’anno precedente.

Nonostante gli ottimi risultati raccolti ed i feedback positivi da parte dei brand partecipanti, è possibile immaginare che la deriva presa dall’evento fosse lontana dalle esigenze di Zalando e che sia questo il motivo per cui si è deciso di annullare la prossima edizione.

Ancora nessuna dichiarazione riguardo il 2020, considerato da Schneider troppo lontano per poter pianificare un evento di questo tipo al momento.