In questo articolo si parla di:

08 Luglio 2019 – Nuova tappa in Corea del Sud per Ente Moda Italia con la nuova edizione de “La Moda Italiana @Seoul”.
Un appuntamento espositivo che, da quattordici stagioni presenta selezione di collezioni di aziende italiane sul mercato coreano.

Da domani, martedì 9 a giovedì 11 luglio 2019, all’interno della Grand Ballroom del Westin Chosun Hotel, saranno 28 i marchi italiani protagonisti della kermesse con le nuove collezioni, anticipazioni della prossima primavera estate 2020.
Moda donna e uomo che raccontano del segmento accessori, abbigliamento, knitwear e total look.

Anche quest’edizione viene realizzata in collaborazione con Sistema Moda Italia e Assocalzaturifici e vede la consulenza  di People of Taste, piattaforma di agent business che supporta i designer internazionale e la creatività sul mercato coreano.

“La nostra presenza a Seoul è un’occasione importante per le piccole e medie imprese italiane di presentare le loro collezioni e valorizzare la qualità del loro prodotto verso gli operatori coreani della distribuzione moda”, afferma Alberto Scaccioni, amministratore delegato di Ente Moda Italia. “I dati aggiornati delle esportazioni verso la Corea, registrati da Confindustria Moda, dicono che nei primi tre mesi del 2019 il tessile-moda italiano ha performato davvero molto bene, con un incremento complessivo del +22%, a conferma della grande vivacità di un mercato che apprezza lo stile e la creatività italiani.”

“Un settore come quello della calzatura ben rappresenta il valore e il percorso della moda Made in Italy. Guardando alle ultime rilevazioni sul settore, l’Italia figura terza tra gli esportatori a livello mondiale e seconda per quanto riguarda le calzature in pelle – osserva Tommaso Cancellara, Direttore Generale di Assocalzaturifici – La nostra produzione trova nei Paesi dell’Asia alcuni tra i suoi più importanti interlocutori e il continuo dialogo con essi rappresenta la condizione essenziale per mantenere vivo l’interesse dei nostri compratori in questo continente e mostrare loro il valore di ricerca e qualità che c’è dentro un prodotto Made in Italy.”