In questo articolo si parla di:

19 settembre 2019 – C.P. Company ha presentato Paris Mon Amour, nuovo capitolo di Eyes on The City, il progetto culturale in collaborazione con l’artista irlandese Rejjie Snow (vero nome Alex Anyaegbunam),  che è anche il volto della campagna immagine del brand per la collezione FW19.

Passeggiando per le vie della capitale francese, Rejjie parla del suo rapporto profondo con la città, di quanto sia stata importante per la sua crescita creativa e di come abbia influenzato il suo rapporto con l’arte. Joshua Gordon, che ha diretto il capitolo precedente a Dublino, segue Rejjie attraverso le strade di una Parigi meno conosciuta, lontana dalla Tour Eiffel e dai classici stereotipi ad essa legati. Un punto di vista più autentico e realistico della Ville Lumiere, un tour tra le banlieues e i graffiti che racconta l’importanza della street art nel percorso artistico del rapper.

La capitale francese rivive all’interno della musica di Rejjie. La sua presenza è forte all’interno di Dear Annie, il suo album di debutto dello scorso anno, in cui il rapper unisce rime più secche e brevi a liriche dall’inflessione irlandese, che lo hanno contraddistinto dai suoi contemporanei e che lo hanno fatto diventare il nuovo “ragazzo da amare”.

“Andare a Parigi negli anni della mia formazione ha segnato davvero molto la mia comprensione del mondo femminile”, ha detto l’artista. “Le donne di Parigi sono così forti e decise. Durante la mia prima volta nella capitale ho visto donne dipingere graffiti e guidare autobus in modi che non avevo mai visto prima”. Mon Amour, il duetto con la cantante parigina Milena Leblanc, è l’ode per eccellenza alla Città delle Luci.

Che sia in giro con gli amici e un pennarello, da solo in compagnia di una baguette o con la ragazza che ha lasciato un segno tale da conquistare un album di debutto a lei dedicato, Rejjie può dire di essere in grado, adesso, di poter vivere una seconda e più viva Parigi. Una versione della città che rimane off-limits per i turisti, lontana dagli stereotipi, perseguitata e prigioniera del passato.

È una Parigi che sente sua, che sta ancora esplorando ma nella quale dice di voler essere sepolto, anche se è solo a nord di Dublino che si sentirà sempre a casa. “Questo viaggio con C.P.Company è stato grandioso. Per me in questo momento è tutto basato sui ricordi e sicuramente questo resterà un grandissimo ricordo”,  ha concluso Rejjie”.