In questo articolo si parla di:

7 ottobre 2019 – Il laboratorio creativo Ray-Ban Studios, dopo la collaborazione con la pioniera del suono Peggy Gou – da cui sono nate alcuni mesi fa due montature e una catena in edizione speciale – prosegue il suo percorso di affermazione dell’individualità grazie a una sinergia con la leggendaria house DJ Honey Dijon. Il nuovo progetto dello Studios con una delle icone della house music rappresenta una celebrazione dell’autentico legame tra Ray-Ban e la musica e la costante ricerca di nuovi modi per dare voce alla propria identità.

Honey Dijon non è solo tra le DJ più rispettate al mondo – attiva in club che spaziano dal Berghain allo Space e autrice di soundtrack per i fashion brand più rinomati – ma è anche producer, studentessa, insegnante e punto di riferimento per la cultura della dance music. È inoltre impegnata per la difesa dei diritti delle persone transgender, nonché una straordinaria icona di stile.

“Per me, una persona di colore e trans, il successo è essere sopravvissuta… La mia definizione di successo corrisponde semplicemente al poter esistere liberamente su questo pianeta”

Ray-Ban Olympian Aviator

Tra le maggiori influenze di Honey Dijon, la sua città natale, Chicago, terra d’origine della house, dove ha vissuto le prime esperienze da DJ accanto al mentore Derrick Carter, per poi trasferirsi a New York, dove ha conosciuto Danny Tanaglia. Attualmente, quando non è in tour, Honey Dijon considera Berlino la sua città. I suoi set oscillano tra house, techno, disco e ballroom, con un effetto davvero travolgente.

Le tre nuove montature esclusive realizzate dalla DJ per Ray-Ban Studios riflettono la sua capacità di trascendere i confini tra generi ed ere senza perdere di vista originalità e stile. I modelli sono stati selezionati dagli archivi del brand, ognuno con la sua storia: Ray-Ban 1973 Square in rosso su havana marrone con lenti Evolve rosa; Ray-Ban Olympian Aviator in color ghiaccio con aste argento e lenti verdi sfumate, e Ray-Ban Wings II, interamente placcato in oro 24k.

Ray-Ban 1973 Square

“Volevo raccontare la storia dei decenni che amo di più: gli anni ‘60 (Ray-Ban Olympian Aviator), un giro di boa imprescindibile per la rivoluzione sociale, i diritti civili e la lotta contro il razzismo; gli anni ‘70, epoca d’oro della disco (Ray-Ban 1973 Square), e l’eccesso decadente degli anni ‘80 (Ray-Ban Wings II)”

La capsule collection Honey Dijon X Ray-Ban Studios è disponibile presso il Dover Street Market di Londra da sabato 5 ottobre, mentre da lunedì 14 ottobre sarà disponibile su ray-ban.com (in tutto il mondo) e in negozi Ray-Ban selezionati.

Ray-Ban Wings II