In questo articolo si parla di:
8 Gennaio 2020

8 gennaio 2020 – In occasione di Pitti Uomo, Lotto presenta e lancia la capsule collection Escapism Through Unknown Neighboring Lands, disegnata e realizzata dallo stilista afro-svizzero Rafael Kouto, vincitore del Lotto Sport Award di ITS – International Talent Support 2019.

Una release che spinge Lotto Sport Italia, che per oltre 45 anni ha accompagnato sui campi di tutto il mondo le performance dei migliori atleti al mondo e delle squadre più vincenti, verso una dimensione sempre più votata al fashion e al lifestyle.

Grazie al Lotto Sport Award, Rafael Kouto ha partecipato a un percorso formativo all’interno dell’ufficio stile di Lotto, sviluppando e realizzando una propria mini-collezione ispirata dalla storia del brand. Nasce così la capsule collection Escapism Through Unknown Neighboring Lands, una limited edition di 10 capi che racconta la contaminazione di couture, moda etnica e sportswear, rispecchiando il background e le esperienze professionali di Kouto, in completa sintonia con l’identità del brand italiano.

 

“Negli ultimi anni il prêt-à-porter è stato molto influenzato dallo sportswear”, ha commentato Rafael Kouto, “e l’obiettivo della mia capsule collection è stato quello di fare il contrario, cioè di proporre dei capi d’abbigliamento tipicamente sportivi in chiave couture ed etnica che rispecchiassero il mio background e le mie esperienze professionali. Questa collezione mixa capi d’abbigliamento e tessuti dell’archivio Lotto, a stampe reinterpretate con patchwork colorati, motivi camouflage, fantasia e optical, ridefinendo così la concezione del lusso”.

“Davanti a un mercato in costante e rapida evoluzione, Lotto continua ad essere protagonista, esplorando nuove frontiere e aprendo le porte a un design ancora più creativo”, ha dichiarato Andrea Tomat, presidente di Lotto Sport Italia. “L’esperienza con Rafael Kouto ci ha permesso di sperimentare ed elaborare una visione sempre più raffinata del brand dove lo sport e la moda si uniscono in un’unica passerella”.