In questo articolo si parla di:
16 Marzo 2020

È di quest’oggi il messaggio di positività comunicato da Pitti Immagine. “Ciò che vogliamo dirvi forte e chiaro è che stiamo tutti lavorando per aprire le fiere del prossimo giugno alle date stabilite. Non ci siamo mai fermati. Semplicemente, è il nostro dovere: niente più e niente meno che il nostro dovere nei vostri confronti. Siamo coscienti che non sarà una stagione fieristica come le altre, sarà una stagione eccezionale, contro la paura e l’emergenza. Ma non per rimuoverle, bensì per fronteggiarle e porre realisticamente le basi per una ripartenza la più rapida possibile. Per questo abbiamo deciso di investire.”

La kermesse internazionale che si svolge a Firenze, vedrà il coinvolgimento di un doppio binario: fisico e digitale, supportati quindi da servizi innovativi e complementari che siano capaci di rafforzare l’efficacia delle relazioni tra aziende e compratori. La fiera fisica sarà affiancata dalla piattaforma digitale e-PITTI Connect che verrà lanciata con una versione inedita a giugno.

“Vogliamo continuare a essere un punto di riferimento stabile e sicuro, senza nascondere le difficoltà e monitorando l’evoluzione della situazione in Italia e nel mondo giorno per giorno, ora per ora. Continueremo a restare in contatto, ad aggiornarci, a essere flessibili e veloci, a prendere le opportune misure con serietà e con il coraggio necessari. Si apriranno scenari nuovi, non sempre prevedibili, lavoreremo di più ma soprattutto meglio, attingendo alle nostre e alle vostre capacità creative. Di sicuro non siamo e non saremo soli, perché in tutti questi anni, ancor prima che un evento commerciale di successo, abbiamo costruito insieme a tutti voi una comunità vera. Ecco, a proposito di questo, un’ultima cosa.

Da cittadini, da genitori, da figli e membri di comunità più larghe, mandiamo un pensiero riconoscente, affettuoso e solidale alle migliaia di medici, infermieri e volontari che nelle strutture sanitarie sono impegnati a garantire a tutti noi la migliore assistenza possibile, senza sosta. Se ci sono degli eroi in questo momento, sono loro“, conclude la nota.