In questo articolo si parla di:
10 Aprile 2020

Save The Duck, da sempre promotrice di scelte sostenibili, ha sposato il progetto 10 Rivers 1 Ocean dell’esploratore Alex Bellini, che naviga i 10 fiumi più inquinati da plastica al mondo. Il viaggio è iniziato a marzo 2019 con la navigazione del Gange e a novembre 2019 del fiume delle perle in Cina. L’esploratore e divulgatore ambientale naviga a bordo di imbarcazioni ogni volta create con materiale di scarto e assemblato sul posto per trasferirci la testimonianza della vita che si svolge attorno e dentro alle acque, i rapporti della gente con gli stessi fiumi, le buone e le cattive abitudini.

Innamoratevi della natura, della meraviglia che ci circonda. Soltanto allora riuscirete a comprendere quanto un’azione comune sia urgente! – Alex Bellini

Alex, nel luglio 2019, ha raggiunto il nucleo del Great Pacific Garbage Patch, una massa di rifiuti in plastica accumulata nel vortice oceanico sub-tropicale dell’Oceano Pacifico: si tratta di circa 80mila tonnellate di detriti, che anno dopo anno continua drammaticamente a crescere, alimentata dai 10 fiumi più inquinati di plastica al mondo. Alla base di questo viaggio, l’intento di raccontare una situazione di emergenza, offrendo a tutti la possibilità di ampliare le proprie conoscenze, capire quali siano i limiti invalicabili e quali le soluzioni disponibili; ma è anche un percorso per ispirare un nuovo senso di comprensione e di rispetto universalmente condivisibile per un ambiente minacciato e delicato: i nostri corsi d’acqua.

A causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 le tappe che erano in programma tra aprile e maggio 2020 sono state posticipate a data da destinarsi. Il viaggio itinerante di Alex Bellini riprenderà non appena la situazione globale sarà tornata ad uno stato di normalità, ma l’emergenza ecologica non si ferma ed è per questo che l’attività di divulgazione continua attraverso i social network e con la creazione di contenuti educational per il web.

A livello di prodotti, la testimonianza più importante dell’impegno preso da Save The Duck nei confronti dell’ambiente è la scelta di tessuti e delle imbottiture con cui vengono realizzati i capi del brand 100% animal free come il Recycled Plumtech: un’ovatta di fibre di poliestere interamente provenienti da materiale riciclato, incluse le bottiglie di plastica con cui sono realizzati i capi della collezione Recycled, contraddistinti dal logo verde e bianco; mentre i capi della collezione Ocean is my Home, contraddistinti dal logo azzurro e bianco, sono realizzati in tessuto 100% nylon riciclato e ricavato dal riciclo di reti da pesca e altri materiali di recupero.

Si ricorda, infine, che è possibile continuare ad aiutare e a sostenere la raccolta fondi per l’Ospedale Sacco di Milano che Save The Duck ha istituito per contribuire al bene comune: fino al 18 aprile il 20% delle vendite online verrà devoluto al Reparto di Malattie Infettive e alla ricerca di sviluppo del vaccino contro il Coronavirus.