In questo articolo si parla di:

Un progetto nato per supportare le aziende nello scenario attuale e guardare al futuro definendo strategie e nuove opportunità. Sono Lucia Leoni e Roberto Gallo a raccontarci della realtà e:noi.

Ci racconti del progetto e:noi.

LL: e:noi è uno studio di consulenza strategica. Per i nostri clienti – aziende, brand, showroom ed enti fieristici, in gran parte dei segmenti moda, lusso e design – ci occupiamo di sviluppare strategie di business incrementale. Pensiamo e introduciamo per ciascuno una visione di business innovativa così da generare nuove opportunità in aggiunta al business esistente. Progettiamo il futuro dei nostri clienti mentre loro possono continuare a concentrarsi sul proprio core business. Li affianchiamo per sviluppare una strategia di brand che porti a creare nuovo business, per esempio in un nuovo mercato o in un modo nuovo, dalla collaborazione alla brand extension.

Com’è cambiato oggi il vostro approccio alla consulenza? Qual è l’esigenza che le aziende in questo momento vi stanno manifestando?

RG: In realtà non è cambiato. Abbiamo sempre creduto che la strategia sia l’elemento fondamentale e non le tattiche, soprattutto nei momenti difficili. Quando la confusione regna bisogna avere un piano.

Da sempre lavoriamo sulla relazione tra aziende e clienti. E già da un po’ di tempo stavamo sviluppando progetti che permettessero all’azienda, al brand e allo show-room di creare nuove opportunità di relazione e di vendita con i clienti. Chi maneggia la relazione, maneggia il mercato.

La situazione attuale di blocco generale e internazionale legata al covid-19, ha fatto crescere un’urgenza comune nelle aziende di come sarà possibile vendere nelle condizioni future.

In questo momento di incertezza le aziende si trovano a dover prendere decisioni, senza aspettare che il mercato le prenda per loro.

Quali sono l’approccio e la strategia su cui state lavorando con i vostri clienti?

LL: Come dicevamo il tema cruciale è quello di rafforzare e gestire la relazione con il cliente, che è l’unica premessa alla vendita. Grazie al fatto che ci occupiamo da anni di questo mercato uniamo la conoscenza specifica delle esigenze dei brand e degli show-room, conosciamo bene la cerimonia di vendita e le sue difficoltà.

RG: La parte strategica è quello che ci differenzia. mentre tutti pensano al come, noi pensiamo al perché.

In che modo state supportando le aziende e i brand per affrontare la ripresa?

RG: Con il pacchetto completo. Introduciamo il concetto di omni-channel che integra la vendita nel fisico con il digitale. Pensiamo a una strategia e non a una tattica. Non è un problema di tecnologia, ma di fare una pianificazione di obiettivi in linea con quelli del brand o dello show-room e rispondere alle reali necessità dei clienti. Per raggiungere i clienti che non potremo incontrare nel fisico proponiamo modalità per presentare la collezione, live o virtual. In entrambi i casi con interazione con il buyer, e modi alternativi al fisico per realizzare gli ordini a distanza o assistito con interazione live con il venditore del brand o dello show-room.

LL: Il segreto è quello di trasformare una esperienza online B2C, familiare alle persone, in una B2B con lo stesso grado di entertainment e facilità. Ma tutto questo deve essere inserito in un progetto che parte dalla costruzione della relazione e dall’alimentare una conversazione con i clienti e con il mercato.

E per chi intende anche non perdere opportunità di vendita al B2C?

LL: Sia per i brand ma anche per i retailer, pianifichiamo e introduciamo nuove opportunità di relazione e connessione con i consumer a livello digitale per sviluppare al meglio le potenzialità del canale digitale. Come i live streaming shopping, un’esperienza di acquisto live video che integra l’entertainment allo shopping, ingaggia il cliente e lo coinvolge in un’esperienza unica ed esclusiva di brand. Una modalità già molto usata in Cina con un grande ritorno di business.

Chi sono i vostri interlocutori principali in questo momento?

RG: La logica è quella di adottare una strategia B2B2C, che integra la vendita B2B e quella B2C.

Per questo stiamo lavorando su progetti per le aziende e i brand, per gli show-room multibrand e per i retailers. Per tutti l’urgenza è la stessa: adottare ed introdurre subito una nuova strategia di relazione e di vendita.

a cura della redazione