In questo articolo si parla di:
5 Maggio 2020

Non si ferma la collaborazione tra Eurojersey e il Politecnico di Milano, anzi si rinnova con l’assegnazione di un nuovo workshop dal concept l‘AbitoDaAbitare. Si tratta di un progetto che trae ispirazione dalla celebrazione del centenario del Bauhaus, e coinvolge gli studenti del corso di Laurea in Fashion Design.

Per capire il concept, bisogna tornare al 1919, quando da Weimar il movimento di architetti e artisti, antepone la funzione alla forma, mettendo le basi dell’architettura moderna per minimalismo e linearità. Partendo da qui, gli studenti del Politecnico sono stati chiamati ad approfondire il tema l’AbitoDaAbitare cercando di porre un legame fra l’innovazione dei tessuti Sensitive Fabrics e la progettazione di abiti del futuro che abitano il corpo.

La ricerca dello stile si è concentrata su capi spalla tecnici, enfatizzati dalle performance esclusive e dalla vestibilità dei tessuti, insieme a tecniche di confezione come le nastrature termosaldate e l’accoppiatura.

Ogni studente ha creato una soluzione di packaging innovativo unita alla funzionalità del capo per un valore comune di sostenibilità. Sono stati creati outfit pratici che si possono lavare in lavatrice a basse temperature, che non fanno una piega e non si stirano, grazie ai tessuti Sensitive Fabrics.

Dieci i finalisti che si sono raccontati in un look book ricco di immagini e completato da uno shooting che ha coinvolto gli stessi autori dei progetti. Un video mostra poi il percorso di ognuno facendo emergere peculiarità che hanno portato alla selezione di tre premiati: Futura di Beatrice Mannucci Benincasa, Inhabut di Giangastone Vassanelli e La forza degli opposti di Petra De Paoli.