In questo articolo si parla di:
25 Maggio 2020

Lo scorso 11 maggio Cuoio di Toscana è stata protagonista di un seminario in modalità webinar – che si terrà anche il 3 giugno – per gli studenti del Corso di Laurea in Scienze della Moda e del Costume, all’interno della facoltà di Lettere e Filosofia de La Sapienza.

Al centro dei due seminari tenuti da Cuoio di Toscana all’interno del workshop organizzato da Lineapelle, figurano gli elementi che caratterizzano la produzione del cuoio da suola, dalle sue caratteristiche distintive fino alle lavorazioni che garantiscono l’eccellenza del prodotto. Il seminario, dal titolo Il cuoio da suola: caratteristiche e lavorazioni, si pone l’obiettivo di illustrare la tradizionale arte di lavorazione artigianale del cuoio – di cui le aziende che fanno parte di Cuoio di Toscana rappresentano un’eccellenza nel mondo – in tutti quegli aspetti che la caratterizzano e che sono i punti di forza delle attività del Consorzio. A partire dall’analisi della qualità del prodotto, il cui alto livello è assicurato da processi di produzione rimasti immutati nel tempo (come la concia lenta al vegetale che assicura al cuoio quelle caratteristiche inimitabili di compattezza, resistenza, traspirabilità ed ecosostenibilità) per arrivare allo stretto legame con lo stile, garantito da tecniche di lavorazione che danno vita a una materia prima malleabile e declinabile secondo le più svariate esigenze creative.

Senza dimenticare un focus sull’intera filiera che, forte di standard qualitativi elevati e tracciabili, è accompagnato dalle più importanti certificazioni in materia e sull’importanza del segmento ricerca e sviluppo che, pur mantenendo immutato il legame con la tradizione, fornisce un prodotto innovativo che risponde alle esigenze del mercato.

Un’iniziativa importante che si colloca nel solco di altre analoghe promosse da Cuoio di Toscana per il quale la formazione, in ambito tecnico e professionale, riveste un ruolo di primo piano all’interno della sua filosofia. Un impegno continuo di cui sono testimonianza diversi progetti sviluppati in partnership con le più prestigiose istituzioni accademiche e con le principali scuole di alta formazione e che non si ferma nemmeno ora ma utilizza le tecnologie digitali più all’avanguardia per garantire l’eccellenza anche nel percorso formativo nell’attuale momento di emergenza sanitaria.