In questo articolo si parla di:
19 Giugno 2020

Con The work dress code study, una ricerca internazionale sull’abbigliamento degli uomini europei sul lavoro nel periodo pre-Covid, Dockers ha dato vita ad una significativa partnership con Domus Academy per identificare il futuro del casualwear. Il brand californiano, da sempre attento all’innovazione e ai mutamenti sociali, è stato il primo al mondo a pensare già negli Anni Novanta allo stile casual all’interno dell’ambiente di lavoro con il “Casual Friday”: una richiesta ufficiale inviata, a ben 25mila responsabili delle risorse umane in tutti gli Stati Uniti che suggeriva alle aziende di sostituire il completo formale dei dipendenti con un paio di pantaloni chino, inizialmente soltanto il venerdì.

Con questa collaborazione Dockers ha sostenuto il percorso di formazione degli studenti del Master in “Fashion Design” della Domus Academy, scuola postgraduate negli ambiti del design della moda, del business e dell’experience design, che hanno curato l’intero processo di progettazione, condividendo i valori di innovazione e sostenibilità, propri del brand.

“L’analisi del contesto sociale globale, l’attenzione ai temi della sostenibilità, sono fra i gli elementi fondanti di un processo di design contemporaneo e prendere parte a questo progetto è stata una scelta naturale per Domus Academy”, ha dichiarato Mark Anderson, director of education di Domus Academy. “Affrontiamo, in collaborazione con aziende e professionisti del settore, temi che hanno l’ambizione di produrre ricerca, la stessa ricerca che interdisciplinarmente deve nutrire la progettazione di chi opererà nelle industrie creative (e non solo) nel prossimo futuro”.

Proprio quest’anno – per celebrare il 10° anniversario delle tecniche Water<Less Levi Strauss & Co. che riducono significativamente l’utilizzo di acqua nella produzione – Dockers lancia la capsule collection “Dockers 10 Year Water<Less” che rivisita in chiave moderna i pezzi iconici, come gli Alpha Chinos più desiderati del brand e un assortimento di t-shirt, button-up e felpe in una gamma di colori audaci.

“Nel 2020 si continuerà a vedere un’evoluzione nella sostenibilità del brand Dockers”, ha commentato Janine Chilton-Faust, VP di Men’s Design. “Come parte della famiglia LS&Co., Dockers condivide la stessa determinazione a ridurre il nostro impatto ambientale attraverso programmi come Water<Less e altre innovazioni. Questo è un momento particolarmente entusiasmante perché vediamo la sostenibilità e lo stile unirsi delineando come Dockers stia procedendo con i nostri prodotti e i nostri valori”.