In questo articolo si parla di:
23 Giugno 2020

La scorsa domenica Milano si è svegliata con un cuore al centro della città. L’installazione di Angelo Cruciani come da tradizione chiude il Pride da sette anni: in Piazza Duomo un cuore bianco formato da tantissimi altri cuori.

“Come pagine bianche di una storia da riscrivere tutti insieme, questo cuore rappresenta la speranza verso un mondo pronto a regole eque e concepite sulla fratellanza che lega ogni essere umano”, spiega l’artista.

L’installazione conta 2.000 cuori di cartone bianco riciclato e riciclabile messi a disposizione dei milanesi al termine delle riprese dell’evento finale del Digital Milano Pride il 27 giugno in esclusiva su YOUTUBE. Sui cuori la possibilità di scrivere pensieri e sogni costruttivi sul futuro della nostra società.

“Ho pensato ai cuori bianchi ispirato dalla fragilità che stiamo vivendo globalmente, abbiamo bisogno di evolvere e trasformare le priorità per cambiare abitudini. Dobbiamo smettere di sentirci padroni della natura”, sottolinea Cruciani.