In questo articolo si parla di:
2 Luglio 2020

La prima squadra di rugby gay-friendly Libera Rugby collabora con Levi’s. Tre video-interviste con atleti selezionati della squadra che “utilizzano la loro voce” per sostenere ideali di uguaglianza, inclusione e progresso. Le interviste doppie trattano argomenti quali l’omofobia nello sport, l’inclusione, la libertà e la sensibilità della Gen.Z nei confronti di queste tematiche. In qualità di global brand, Levi’s sostiene da più di 30 anni la comunità LGBTQ+ e, tramite questa partnership si impegna a continuare a dare un supporto alle comunità locali.

Il messaggio che Libera Rugby vuole trasmettere con la campagna Levi’s “Use your voice” è quello di essere se stessi.

“Essere coinvolti da un’azienda come Levi’s non è solamente motivo di orgoglio per noi – dichiara Nicolò Zito, presidente di Libera Rugby – ma anche un momento che ci aiuta a riflettere di come, in soli sette anni, la nostra società sportiva abbia veicolato un messaggio che per noi è di fondamentale importanza, ovvero quello di inclusività nel mondo dello sport. Il progetto Levi’s Pride 2020 sposa alla perfezione non solo i nostri ideali, ma anche il nostro modo di essere, sia dentro che fuori dal campo”, conclude.

Levi’s collabora anche con Self Evident Truths il progetto fotografico di iO Tillett Wright che documenta 10.000 persone che si identificano in qualcosa di diverso dall’eteronormativo per la global Pride global campaign.

Il 100% del ricavato netto della collezione Levi’s Pride 2020 sarà devoluto a OutRight Action International.