In questo articolo si parla di:
3 Novembre 2020

È stato un compito riservato al presidente uscente di AIP-Associazione Italiana Pellicceria quello di nominare il CdA che governerà le sorti di THEONEMILANO, il salone dell’haut-à-porter milanese. Roberto Scarpella chiama quindi sulle sette poltrone dirigenziali quattro componenti in continuità con il passato (il presidente Norberto Albertalli, l’amministratore delegato Elena Salvaneschi, i consiglieri Cesare Gavazzi [vicepresidente] e Roberto Tadini) e due volti nuovi (Umberto Roncarati e Giorgio Guida), in sostituzione di Paolo Manetti e di Antonio Olivieri che non si sono dichiarati disponibili all’incarico per motivi personali. La settima voce non poteva essere che la sua, come ha voluto tutto il CdA all’unanimità, per dargli concreta testimonianza dell’impegno e del valore messo in campo in tanti anni di prima linea.

“Resto a guidare una società che ho contribuito a far nascere nell’ormai lontano 1995 – dichiara Norberto Albertalli – consapevole delle difficoltà che il sistema fieristico sta attraversando in questo momento così speciale. Le fiere sono uno strumento insostituibile per consentire alle aziende l’accesso ai mercati internazionali: è indubbio però che l’emergenza legata alla pandemia di Covid-19 ha messo in discussione la mobilità internazionale e la stabilità delle filiere produttive. Il CdA nominato dovrà gestire fiere fisiche e fiere digitali (abbiamo voluto la nostra già dal 2017 ed è stata un valido aiuto in questo periodo, anche se non sostituirà mai incontri e strette di mano), dovrà comporre alleanze, capire che la crisi si affronta meglio quando si è #strongertogether (non a caso questo è stato l’hashtag dell’ultima edizione di settembre, che ci ha visto lavorare con Micam, Mipel, Fashion & Jewels e Lineapelle), superare i personalismi per andare verso progetti di sistema. Questa crisi cambierà profondamente il nostro modo di essere e di operare: c’è necessità di un mondo più equilibrato, di un’autenticità complementare all’estetica fine a se stessa. C’è necessità di quei valori di servizio e di condivisione che sono la caratteristica del nostro salone”.

Chiuse le nomine per il salone è stata la volta dell’assemblea di Associazione Italiana Pellicceria che, riunitasi in streaming per ottemperare alle normative volte al contenimento della pandemia di Covid 19, ha eletto Roberto Tadini come nuovo presidente della categoria. Succede appunto a Roberto Scarpella, che da ora ricoprirà il ruolo di presidente onorario.

“Sono onorato e orgoglioso per il voto unanime dell’assemblea di AIP, che mi ha eletto presidente della categoria – ha dichiarato Roberto Tadini alla fine dell’assemblea –  Si tratta di un compito impegnativo perché non è semplice succedere a un grande presidente come Roberto Scarpella, che ha guidato AIP per ben nove anni, con un programma volto a non isolare la pellicceria accreditandola sempre di più a livello istituzionale in un dialogo costante con il mondo della moda. A lui va il mio grazie insieme a quello di tutti noi.  Prenderò il testimone e mi impegno a lavorare – come fatto sempre dall’associazione – con trasparenza, volontà di dar voce alle istanze degli associati, spinta all’innovazione. La responsabilità legata ai sei anni passati come vicepresidente di AIP mi ha consentito di familiarizzare con gli obiettivi associativi e di collaborare a costruire il percorso creato dalla presidenza uscente. Le sfide di questo complesso momento sono molte e prometto tutto il mio impegno per accettarle e possibilmente vincerle. Insieme”.

Roberto Tadini