In questo articolo si parla di:
1 Dicembre 2020

Dopo il primo lancio ad agosto, Reebok presenta il secondo capitolo della campagna “Write your legacy” con la presentazione delle silhouette [REE]Cycled Classic Leather e Legacy 83, correlate dal messaggio “Non si può modificare il passato, ma è possibile cambiare il futuro”. Un messaggio preciso, legato alla sostenibilità ambientale, che si traduce – non a caso – in tomaie realizzate entrambe con almeno il 30% di materiali riciclati.

La campagna è stata ideata da tre personaggi provenienti da differenti parti del mondo, chiamati “classic collaborators”, e sarà disponibile sul sito web di Reebok dal 15 dicembre.

The Kickback, Stati Uniti

L’associazione ha l’obiettivo di sostenere le community più svantaggiate del Nord America attraverso non solo lo sport, ma anche l’arte e il senso di comunità, trasformandoli in progetti che possano migliorare la salute mentale e fisica dei giovani. “Non si tratta solo di raccogliere fondi, ma di mostrare ai ragazzi un mondo nuovo”.

RAAH, Regno Unito (Birmingham)

Nasce come organizzazione che opera a livello locale, per dare voce a giovani, rifugiati e vittime di violazione dei diritti umani. Durante il lockdown ha dato vita al RAAH festival, un incontro all’interno della comunità che ha avuto come protagonisti registi, attori, musicisti e attivisti con background differenti tra loro. “Quando ci sosteniamo a vicenda riusciamo a vedere oltre le barriere che ci dividono. Mostriamo al mondo chi siamo veramente e quello che siamo capaci di fare”.

Youngmin Kang, Corea del Sud (Seoul)

Youngmin Kang vuole riscrivere le regole e cambiare la prospettiva sul tema del riciclo nel proprio Paese, utilizzando materiali di rifiuto per creare delle opere d’arte uniche. Per la campagna “Write your legacy” ha realizzato delle sedie-sculture, sciogliendo diverse plastiche colorate e riproducendo le colorazioni della silhouette Legacy 83, utilizzando dei colori Pantone. Sono solo rifiuti o molto di più? Questa la domanda che Kang vorrebbe la gente si ponesse guardando la sua creazione.