In questo articolo si parla di:
18 Dicembre 2020

Per il secondo anno consecutivo torna Courmayeur Design Week-end: la quattro-giorni dedicata al design e all’architettura, ideata dall’architetto Paola Silva Coronel e organizzata in collaborazione con Courmayeur Mont Blanc, con il patrocinio di ADI, Associazione per il Disegno Industriale. Quest’anno le date scelte cadono a cavallo tra il 25 e il 28 febbraio in vetta al Monte Bianco.

L’idea è quella che questo evento porti con sé le esperienze positive della prima edizione e l’atmosfera di un format che da Milano ha conquistato il mondo: “Lo smartworking ci sta insegnando nuovi modi di vivere e lavorare. Un fenomeno bradisismico sta spostando l’attenzione dai grandi centri urbani ai piccoli borghi, che fanno la bellezza dell’Italia. Le Design Week e il Monte Bianco sono nel mio dna e quindi tracciare una linea tra questi due punti è stato per me naturale”, spiega Paola Silva Coronel.

E Raffaella Scalisi, direttrice generale di CSC Courmayeur, aggiunge: “Courmayeur guarda al futuro e lo fa affidandosi alla cultura e al mondo del progetto, con la tenacia tipica della gente d’alta quota, abituata a vivere in salita e ad affrontare anche le stagioni più difficili. Crediamo molto in questo evento che coinvolge tutto il tessuto locale e ha grandi potenzialità di crescita”.

Tanti sono i contenuti e le novità in serbo per questa seconda edizione della Design Week-End: oggetti di design invaderanno le vie del centro, protagonisti di una mostra diffusa nelle lounge degli hotel e nelle vetrine dei negozi. Alcuni landmark, come la Vanity Fair di Poltrona Frau in formato XXL, connoteranno il paese ai piedi del Monte Bianco trasformandolo in un inedito design district.

C’è già grande attesa per il nome dell’architetto che raccoglierà il testimone di Michele De Lucchi come protagonista della conferenza più alta d’Europa organizzata in collaborazione con Skyway Monte Bianco. Il Museo del Duca degli Abruzzi, dedicato alla storia dell’alpinismo, ospiterà un allestimento dedicato ai prodotti che negli anni hanno saputo coniugare al meglio sport e design.

Non mancherà una mostra “in movimento” realizzata in partnership con Funivie Courmayeur Mont Blanc, che vedrà la personalizzazione di tutte le cabine di Chècrouit con l’immagine di un oggetto cult del design o di un personaggio di rilievo dell’architettura, che sarà poi presente durante la kermesse. Una sorta di libro da sfogliare, in cui ogni cabina diventerà una pagina di questa storia, che la località delle Alpi già da un anno ha deciso di raccontare.

Spazio ai giovani talenti, a cui sarà dedicato un intero percorso espositivo nella storica fabbrica di ramponi e piccozze Grivel. Numerosi i talks in programma di cui saranno protagonisti architetti, designer e studi di progettazione.

Il 26 febbraio l’appuntamento sarà con l’ormai consolidata skiCAD, gara di sci che, alla sua 21esima edizione, lancia la sfida tra progettisti e giornalisti.

Design, paesaggio e cultura del progetto si confermano gli ingredienti di un evento in espansione e già pronto a due prossime trasferte: a Ostuni a fine maggio, e Pietrasanta nel mese di settembre.