In questo articolo si parla di:
23 Dicembre 2020

È una collaborazione dinamica, innovativa e ispirata alla sostenibilità quella intrapresa da WRÅD – design studio e start-up innovativa dedicata dal 2015 ad accelerare un processo di cambiamento positivo attraverso il fashion design e l’innovazione – insieme a Fiat. Le due parti hanno sviluppato un nuovo progetto per una capsule dedicata alla Nuova 500, ennesima evoluzione dell’icona del made in Italy.

WRÅD x Nuova 500 è espressione di sostenibilità, innovazione e tecnologia. Valori, questi, che accomunano entrambi i protagonisti della partnership. E che trovano una spiegazione nel tono di grigio di ogni capo, ottenuto infatti con g_pwdr technology, un processo di tintura (patented by Alisea Recycled and Reused Objects Design) che ricicla grafite altrimenti scartata ad ogni bagno di tintura. La polvere di grafite utilizzata per tingere i capi di grigio, sottoprodotto della produzione di elettrodi, viene recuperata dall’azienda torinese TECNO EDM.

Ben oltre il prodotto, il progetto restituisce dunque valore ad un minerale prezioso altrimenti scartato, recuperando fino a 40 gr di grafite per ogni capo. Come spiega Matteo Ward, ceo di WRÅD: “Nel rispetto degli obiettivi di design di WRÅD, volevamo che la capsule WRÅD x Nuova 500 offrisse un servizio ambientale e sociale che trascendesse il prodotto”.

I vantaggi dati dalla tintura con grafite riciclata sono sostanzialmente tre: in primo luogo consentono a WRÅD di assolvere ad una funzione ambientale, evitando il viaggio in discarica per un minerale che andrebbe buttato; successivamente di assolvere a una funzione per la persona in quanto la tintura con polvere di grafite, al contrario di molti altri processi, non è tossica per la pelle; infine vi è una una rilevante funzione sociale poiché l’utilizzo di questa tecnologia consente di perpetuare una tradizione tintoria che stava per essere dimenticata. Per più di 2.000 anni, infatti, dai tempi dell’antica Roma, in Calabria la comunità di Monterosso Calabro ha utilizzato la grafite naturalmente presente nel territorio per tingere i vestiti. Tradizione in disuso dal 1940 che WRÅD ha scoperto grazie alle signore di Monterosso Calabro e re-immaginato in chiave contemporanea ed innovativa.

La sinergia con l’azienda bresciana 1TrueID ha permesso di dotare ogni capo della capsule WRÅD x Nuova 500 di una smart label con tag NFC. Consentendo ai clienti, tramite il proprio smartphone, di accedere a informazioni verificate sull’origine e il processo produttivo di ciascuno di essi.

La collaborazione tra WRÅD e Nuova 500 ha già coinvolto realtà retail italiane – sia fisiche che online – quali Biffi (Milano e Bergamo), Capuzzi (Casoli), Cose (Cremona), Duca d’Aosta (Padova e Mestre), GreenPea (Torino), On You (Vicenza), Tozzi (Bologna), Rinascente (Milano) e YOOX, con altre destinazioni che verranno svelate in primavera. Con alcuni di questi retailer, come con Rinascente, sono state programmate delle campagne social media per amplificare i valori della collaborazione e dare la possibilità al pubblico di scoprire di più sui concetti e principi di moda responsabile con Matteo Ward, che ha commentato: “Senza il supporto delle importanti boutique e retailer questo progetto non sarebbe stato possibile. Tutti i retailer che hanno aderito alla campagna sono diventati nostri partner per la progettualità sociale e ambientale della capsule e il messaggio positivo e dinamico che possiamo amplificare assieme in un momento sicuramente difficile”. Il coinvolgimento di ogni retail partner diventa infatti un mezzo per aumentare i kg di grafite riciclati nel processo produttivo, per amplificare la divulgazione di un pezzo di storia tessile italiana legata alla tintura con polvere di grafite e, più in generale, avvicinare un pubblico sempre più vasto al tema moda e sostenibilità.