In questo articolo si parla di:
11 Gennaio 2021

I primi due giorni di saldi a Sicilia Outlet Village e Torino Outlet Village hanno registrato feedback oltre le aspettative.

I progetti premium, gestiti e commercializzati dalla società italiana Arcus Real Estate, dichiarano la conclusione della due giorni di saldi “con ottimi risultati sia in termini di affluenza che di scontrino medio”, si legge nella nota divulgata.

“I numeri non sono confrontabili con gli altri anni a causa del particolare momento sociale che stiamo attraversando ma siamo soddisfatti e guardiamo con positività al futuro – dichiara la direzione di Arcus Real Estate -. Le chiusure nel weekend ovviamente ci penalizzano ma siamo consapevoli che i provvedimenti presi sono necessari per tornare presto a una situazione normale quanto più presto possibile”, conclude.

E così, fin dalla riapertura dopo il primo lockdown, entrambi i Village hanno messo in atto tutti i provvedimenti per garantire uno shopping sicuro e la tutela di dipendenti e clienti. Così, nell’ottica di rendere più fluido e protetto lo shopping, Sicilia Outlet Village e Torino Outlet Village mantengono attivo il servizio di “priority entry” che permette di prenotare in anticipo, attraverso i rispettivi siti internet, il giorno e l’orario di ingresso nei negozi scelti. E le prenotazioni potranno essere effettuate anche all’interno degli spazi.

Inoltre, tutti i giorni, weekend inclusi (anche quando il Village è chiuso al pubblico), è possibile fare shopping a distanza attraverso il servizio di “smart shopping” che permette alla clientela di procedere con gli acquisti in boutique attraverso il poprio smartphone da casa e quindi, da tutta Italia.

“Questa iniziativa – commenta la direzione di Arcus Real Estate – assolutamente innovativa per il segmento outlet, si è resa necessaria durante le fasi del lockdown, ma verrà mantenuta anche in futuro in quanto ci consente di accorciare le distanze e avvicinarci a una clientela più ampia, italiana ed europea, con i nostri marchi e i nostri prezzi unici”.

Gli assistenti alle vendite saranno presenti nelle boutique nonostante la chiusura fisica dei negozi e, attraverso videochiamate o WhatsApp potranno mostrare capi e accessori disponibili.