La Martina, insieme ai partner Giano per le calzature e Principe per la pelletteria, decide di collaborare con ACBC per la realizzazione di prodotti che siano responsabili e innovativi.

“Questa partnerhisp per La Martina è il primo passo di avvicinamento a un mondo in cui la natura è fortemente connessa alla vita di tutti i giorni. Per poter raggiungere questa meta, abbiamo deciso di farlo con un player di livello e specializzato come ACBC”, sostiene il founder e ceo de La Martina Europe, Lando Simonetti. L’obiettivo è quello di raggiungere entro il 2040 una La Martina completamente sostenibile. “Questo con ACBC è il nostro start con un focus mirato sugli accessori. L’intento in futuro sarà estendere l’impegno green anche all’abbigliamento”, conclude.

Si tratta di sneakers e backpack: una capsule che testimonia l’impegno nei confronti del pianeta declinata in tre colori “senza tempo” come nero, grigio e blu navy.

Gli fa eco Enrico Panniccià, ceo dell’azienda Giano: “Da sempre siamo orientati al futuro. Dal 1946, anno di fondazione della nostra azienda, abbiamo coniugato tradizione e innovazione puntando a una crescita sana e sostenibile acquisendo esperienza e credibilità. Abbiamo subito creduto nel progetto 2040 La Martina e considerato strategica la partnership con ACBC. La sostenibilità darà un altissimo valore aggiunto al nostro consumatore, lo renderà responsabile di ciò che acquista sempre di più”.

“Siamo davvero orgogliosi di aver stretto una collaborazione con La Martina, un marchio simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo. Riteniamo che l’attenzione verso materie prime sostenibili e processi di produzione rispettosi dell’ambiente sia diventata ormai un elemento imprescindibile per creare e sviluppare le collezioni del futuro. Il lavoro svolto in team tra ACBC per la ricerca e sviluppo in ambito “sostenibilità”, La Martina per il design, Giano per la produzione made in Italy delle calzature e Principe per la creazione dello zaino ha dato come risultato un prodotto unico, capace di raccontare i valori che volevamo esprimere”, sostiene il ceo di ACBC, Giò Giacobbe.

La capsule seguirà la distribuzione tradizionale di Giano e Principe oltre a quella di ACBC.

Conclude così Alessandro Maroni, brand manager Principe Spa: “Principe è sempre al fianco del cambiamento. Oggi più che mai servono messaggi chiari legati ai veri valori della vita. Questa collaborazione ci rende orgogliosi di poter fare parte di una nuova generazione di prodotti che ci auguriamo contribuisca a rendere il nostro ambiente e quello delle nuove generazioni più pulito, sostenibile e meno legato alla materialità delle cose. Un piccolo passo che intendiamo fare diventare grande con il proseguo delle prossime collezioni”.