In questo articolo si parla di:

Il brand italiano, che nel 2020 ha spento le sue prime dieci candeline, ha presentato per la pe 21 una nuova borsa, la O bag unique, la prima per l’azienda a non derivare dalla fusione di più elementi ma dall’unione di scocca e manici.

Il materiale diventa al 100% l’essenza della nuova proposta firmata O bag, completamente made in Italy. Un modello dal design contemporaneo che, grazie alla lunghezza dei suoi manici può essere indossata anche a spalla e sarà disponibile in otto colori.

Il marchio guidato dal fondatore e ceo Michele Zanella ha inoltre presentato la propria “mission” per il futuro tra sostenibilità e digital.

O bag “Chiude il Cerchio”
L’azienda porta avanti da sempre il proprio impegno per una produzione green grazie all’utilizzo di materiali ecosostenibili. Nel secondo semestre 2021 l’attenzione all’argomento sarà in crescita grazie alla sperimentazione di due nuove soluzioni applicabili al prodotto. La prima è quella di una possibile fusione tra il sughero riciclato e il compound termoplastico, che permetterebbe di ridurre del 22% l’uso di quest’ultimo. Uguale attenzione sarà dedicata al packaging: ne è una dimostrazione la volontà di sostituire quello degli O clock, con una valida alternativa che vede l’uso di polipropilene mixato con legno di recupero, un primo passo per arrivare a sostituire integralmente tutto il packaging con soluzioni ecosostenibili e/o riciclate. Anche “Chiudi il Cerchio”, il progetto nato nel 2017 che promuove la raccolta di scocche O bag per un loro corretto smaltimento, si evolve nel 2018 in un progetto facente parte di un più ampio programma di sostenibilità, permettendo, attraverso il recupero delle scocche usate, la trasformazione di queste ultime in nuovi oggetti a sostegno di importanti iniziative sociali. Il progetto è attualmente attivo in Italia nei negozi O bag aderenti all’iniziativa, ma l’obiettivo a lungo termine è quello di estendere l’operazione a tutti i Paesi in cui il marchio è presente.

Nasce Scan & Buy
Il 2020 ha fatto registrare una crescita del 30% dei canali e-commerce  con un’incidenza sul fatturato del 28%. Sull’onda di questo successo, l’azienda implementa le proprie attività e funzioni digital a vantaggio dei consumatori, con il lancio del progetto Scan & Buy. Un nuovo sistema di vendita digitale, semplice da utilizzare ma all’avanguardia, che accorcia le distanze tra clienti e punti vendita o partner wholesale, offrendo l’opportunità di accedere a un vero e proprio show-room digitale fornito di tutte le collezioni disponibili.

Ma la distribuzione digitale non è la sola a essere in crescita. Il 2021 vede oltre 20 “new opening”, tra boutique dirette, partner wholesale e corner shop nei mercati strategici.
In Italia il piano prevede aperture di corner O bag in tutta la penisola: ad oggi aperti Udine, Fiume Veneto, Pordenone (Friuli-Venezia Giulia), Catania (Sicilia) in quattro centri commerciali, Catanzaro (Calabria) Centro Commerciale Le Fontane, Mirano e Lazise (Veneto). Sono in apertura: Thiene, San Giovanni Lupatoto – Verona (Veneto), Gemona del Friuli (Friuli-Venezia Giulia) e Cefalù (Sicilia).