In questo articolo si parla di:

“È da oltre un anno che viviamo in una situazione imprevista e senza precedenti, che però ci ha spronati a trovare una rinnovata energia e capacità di evolvere, migliorandoci. Lo scorso anno commentavamo la nostra volontà di focalizzarci su progetti essenziali per il brand. Oggi sono fiero di annunciare che gli obiettivi che ci eravamo prefissi sono stati tutti raggiunti. A maggio abbiamo internalizzato l’e-commerce in EMEA e a luglio in Giappone. Abbiamo anche rafforzato la struttura manageriale introducendo la funzione di chief brand officer per il marchio Moncler. Inoltre, da aprile siamo diventati un Gruppo. E oggi commentiamo i primi risultati consolidati di Moncler e Stone Island. Numeri molto buoni. Il fatturato ha raggiunto 622 milioni di euro, in crescita del 57% rispetto al primo semestre 2020, con un trend in accelerazione, mentre l’utile operativo è stato pari a 92,8 milioni di euro. Ma, come dico sempre commentando la semestrale, la parte più importante dell’anno è ancora di fronte a noi. E, pur riconoscendo che la situazione sanitaria rimane altamente incerta, siamo pronti ad affrontare i prossimi mesi con entusiasmo, impegno e grande energia, forti della consapevolezza che abbiamo marchi formidabili, progetti chiari e persone di talento per portarli a compimento”. A parlare è il presidente e amministratore delegato di Moncler S.p.A., Remo Ruffini.

Il CdA dell’azienda ha confermato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2021 che, dal primo aprile consolida anche i risultati di Stone Island. Infatti nei primi sei mesi Moncler Group ha realizzato ricavi consolidati pari a 621,8 milioni di Euro, che includono i risultati del marchio Moncler, pari a Euro 565,5 milioni e i ricavi del marchio Stone Island, consolidati per il solo secondo trimestre, pari a Euro 56,2 milioni.

La suddivisione geografica

In Asia (che include APAC, Giappone e Corea) i ricavi nel primo semestre hanno registrato una crescita del 59% a tassi di cambio costanti rispetto al primo semestre 2020 e del 15% rispetto allo stesso periodo nel 2019. In EMEA, nel primo semestre 2021, i ricavi sono aumentati del 10% a tassi di cambio costanti rispetto al 2020 (-20% a tassi di cambio costanti rispetto allo stesso periodo del 2019), in miglioramento nel secondo trimestre 2021 (-11% vs 2019). Le Americhe hanno raddoppiato a tassi di cambio costanti il fatturato del primo semestre 2020 e sono cresciuti del 17% rispetto al primo semestre 2019.

A proposito di Stone Island

Nel secondo trimestre dell’esercizio 2021, che corrisponde al periodo di consolidamento in Moncler Group, il marchio Stone Island ha realizzato ricavi pari a Euro 56,2 milioni (Euro 144,3 milioni dal primo gennaio 2021). Nel trimestre il marchio ha evidenziato importanti crescite in tutti i mercati di riferimento, incluso il mercato domestico che ha contribuito per circa un 20% del totale fatturato e negli altri mercati europei.