In questo articolo si parla di:

Il nome del progetto è Style Collective, i protagonisti sono – per fare qualche nome – Anna Dello Russo, Didi Stone, Suki Waterhouse, Aimee Song, Melissa’s Wardrobe e Tamu McPherson. Personaggi che, in coppia, hanno iniziato a raccontare al pubblico le storie inedite dei loro capi pre-loved. Con la possibilità di poterli acquistare su Vestiaire Collective.

Sono in tutto sei gli episodi che, dallo scorso 12 ottobre, stanno andando in onda sui canali social del noto marketplace francese da diverse capitali della moda tra cui Milano, Madrid, Parigi, Londra, Berlino, New York e Sydney. Una vera e propria esplorazione dell’amore e della passione per il second-hand, il vintage e la moda circolare di diversi personaggi di rilievo del mondo della moda.

Balenciaga, Tomo Koizumi x Emilio Pucci, Alaïa, Gucci by Tom Ford, Chloé, JW Anderson, Dries Van Noten sono solo alcuni dei marchi presenti in questa speciale selezione. Oltre alla moda, sono le lunghe storie d’amore quelle che accomunano il racconto di tutte queste celebri coppie del fashion system. A partire da quella tra Anna Dello Russo e Chiara Totire, che ad esempio raccontano i momenti del loro primo incontro condividendo con il pubblico l’amore e la passione per la moda che da sempre le ha contraddistinte.

Ed è proprio Anna Dello Russo ad aprire la sua collezione privata a Vestiaire Collective, sottolineando la grande ricerca per ogni singolo articolo. Il capo preferito di Anna è un abito della capsule Tomo Koizumi x Emilio Pucci, un abito speciale per la sua unicità e per quel che ne rappresenta: l’unione tra il Giappone e una maison italiana. Lo speciale capo farà parte della selezione che si potrà acquistare su Vestiaire Collective. Il mondo del vintage per la “musa della moda” è rappresentato indubbiamente dall’accessorio; scarpe, cappelli e bijoux. Il cappello è in assoluto l’accessorio più affascinante, per i rari e particolari modelli del passato. Per Anna Dello Russo è molto importante parlare non solo di moda, ma anche di sostenibilità: “Oggi si parla di sostenibilità, di re-editing e di re-cycling. È molto importante ridare vita ai capi in modo da ridurre il più possibile lo spreco. Il progetto Style Collective sostiene la diminuzione dello spreco e un consumo più sostenibile”.

Viene inoltre ripercorso il primo incontro tra Tamu McPherson e Candela Pelizza, avvenuto tra le vie della moda milanese. Le due protagoniste illustrano i loro capi e look pre-loved con l’entusiasmo di poter partecipare a questo progetto che supporta la sostenibilità.