In questo articolo si parla di:

Per la seconda edizione di CircuART, progetto che mette in contatto aziende, artisti e fashion designer, Albini Group è uno dei partner. Si tratta di un’iniziativa nata per creare nuove forme di linguaggio, generando risultati innovativi e, perché no, anche migliorativi.

Le aziende coinvolte per questa stagione sono 13, mentre i creativi quattro: Silvia Giovanardi, Ryts Monet, Giulia Pellegrini e Marcello Pipitone.

In questo modo, Albini – leader nella produzione di tessuti in cotone d’eccellenza e all’avanguardia – ha deciso di mettere a disposizione il suo tempo per attuare un dialogo industria-artista.

L’interesse dell’azienda nei confronti della sostenibilità è elevato, infatti da sempre è impegnato nel rendere la filiera moda più sostenibile e trasparente. L’obiettivo di questa collaborazione è, infatti, quello di raccontare come si possa essere innovatori consapevoli.

“Dal 1876 Albini Group si impegna a offrire ai clienti tessuti di alta qualità, realizzati nel pieno rispetto dell’ambiente e della sicurezza e contribuendo al benessere dei dipendenti e delle comunità nelle quali opera. Consapevoli che il tessile e abbigliamento sia un settore particolarmente esposto in termini di impatto ambientale, abbiamo adottato ormai da più di 10 anni una politica attenta e mirata alla sostenibilità e volta al miglioramento continuo”, commenta Stefano Albini, presidente di Albini Group “Tracciabilità dell’intera filiera produttiva, trasparenza dei processi produttivi e responsabilità sociale sono infatti requisiti imprescindibili del modus operandi di Albini Group, annoverato tra i pionieri del cambiamento sostenibile che il settore della moda sta tuttora vivendo. Abbiamo quindi accolto con grande entusiasmo l’invito di Circulart e siamo orgogliosi di far parte di questo ambizioso progetto, con il quale condividiamo idee, logiche e obiettivi. È anche grazie a eventi come questo che è possibile diffondere l’importanza della sostenibilità nel nostro settore e testimoniare i passi che il mondo tessile sta compiendo in questa direzione”.