In questo articolo si parla di:

Il filo conduttore che sta alla base del percorso di Nice Footwear è la collaborazione con la natura al fine di proteggerla.

A partire dalle 5R della sostenibilità (Reduce, Reuse, Repurpose, Recycle, Refuse), la società consolida la sua posizione green presentando il secondo Bilancio di Sostenibilità chiuso al 30 aprile 2021 e redatto in base allo standard internazionale GRI (Global Reporting Initiative).

All’interno del documento vengono espressi i valori etici e sociali nei confronti dell’ambiente e degli stakeholder.

Da poco essere entrata su Euronext Growth Milan (mercato organizzato gestito da Borsa Italiana s.p.a), Nice Footwear con il manifesto di sostenibilitàGreen is the nicest color” si è posta l’obiettivo di creare prodotti sostenibili attraverso l’uso di materiali riciclabili, biologici, di origine vegetale e con una filiera 100% trasparente.

Redigere il nostro secondo Bilancio di Sostenibilità è stato un lavoro che ha coinvolto tutte le aree dell’Azienda in modo sinergico. Ogni giorno ci poniamo come obiettivo l’implementazione di un processo produttivo che porti beneficio all’ambiente. Questo è reso possibile attraverso il continuo miglioramento e sviluppo  di nuove tecnologie eco-sostenibili, che permettono di innovare le modalità di fabbricazione dei prodotti nell’ottica di un’economia circolare. Le collezioni sono pensate e sviluppate secondo una selezione responsabile degli acquisti, favorendo tutto ciò che può essere riutilizzato, trasformato e riciclato dal design del prodotto sino alla produzione”, dichiara Bruno Conterno, ceo e presidente di Nice Footwear.

Negli ultimi quattro anni la società ha avuto una grande crescita grazie al suo business dinamico e innovativo, controllando il 100% di tutte le fasi del processo.

È riuscita inoltre a realizzare azioni concrete in chiave green, rappresentando un esempio per le next generation attraverso l’uso di prodotti riciclabili e animal free.

Sotto il punto di vista della responsabilità ambientale, Nice Footwear, è anche un innovatore grazie alla creazione di un nuovo standard di progettazione e realizzazione dei prodotti, entrando a far parte della sezione speciale del settore moda della Camera di Commercio di Milano come PMI innovativa, appunto.

In copertina: Angelo Sinico, Bruno Conterno, Francesco Torresan, Alessandro Perletti