In questo articolo si parla di:

Il consiglio di amministrazione di Salvatore Ferragamo S.p.A. ha confermato Marco Gobbetti come amministratore delegato e direttore generale della Società.

La sua carica varrà per tutta la durata dell’attuale cda e quindi fino all’assemblea degli azionisti convocata per l’approvazione del Bilancio d’Esercizio al 31 dicembre 2023.

A Gobbetti sono stati confermati tutti i poteri di ordinaria amministrazione a eccezione di quelli espressamente riservati all’esclusiva competenza del cda. Il quale, sulla base delle informazioni disponibili e delle dichiarazioni rese dall’interessato, ha accertato il possesso dei requisiti di onorabilità e l’assenza di cause di ineleggibilità e incompatibilità del nuovo ad.

“In base alle comunicazioni ricevute l’Amministratore Delegato Marco Gobbetti non detiene azioni di Salvatore Ferragamo S.p.A.”, si legge in una nota ufficiale della maison.

Inoltre, il cda ha approvato l’avvio del programma di acquisto di azioni ordinarie proprie. Come si legge all’interno del documento dell’azienda, i punti da perseguire sono:

  • acquisire azioni proprie da destinare a servizio di piani di incentivazione azionaria (anche a lungo termine) da riservare ad amministratori e/o dirigenti della Società;
  • acquisire azioni proprie da destinare a servizio di eventuali operazioni di carattere straordinario sul capitale o di altra natura che implichino l’assegnazione o disposizione di azioni proprie;
  • intervenire, nel rispetto delle disposizioni vigenti e tramite intermediari, per stabilizzare il titolo e per regolarizzare l’andamento delle negoziazioni e dei corsi, a fronte di fenomeni distorsivi legati a un eccesso di volatilità o una scarsa liquidità degli scambi;
  • operare sulle azioni proprie per cogliere opportunità di mercato, anche attraverso l’acquisto e la rivendita delle azioni, operando sia sul mercato che nei c.d. mercati over the counter o al di fuori del mercato o tramite procedure di accelerated bookbuilding o ai blocchi.