In questo articolo si parla di:

Il cda di Salvatore Ferragamo si è riunito in data 10 maggio 2022, sotto la presidenza di Leonardo Ferragamo, per esaminare e approvare il “Resoconto Intermedio Consolidato di Gestione” al 31 marzo 2022, redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS.

Tutti gli indicatori economici, relativi al primo trimestre 2021, sono stati ripresentati – escludendo il business profumi – conseguentemente alla classificazione di tale business come attività operativa cessata, dal secondo trimestre ‘21, ai sensi del principio contabile IFRS 5.

“Sono orgoglioso di far parte di questo brand iconico, fondato su un eccezionale patrimonio di creatività, artigianalità e valori umani. Nonostante il perdurare della pandemia e del conflitto in Ucraina, in questo primo trimestre abbiamo conseguito una buona crescita dei ricavi e del margine operativo. Pur in presenza di una crescente volatilità del contesto geopolitico ed economico, riteniamo di poter incrementare i ricavi per l’anno in corso, e oggi stiamo introducendo le leve per accelerare la crescita e realizzare il potenziale di Ferragamo”, dichiara Marco Gobbetti, amministratore delegato e direttore generale di Salvatore Ferragamo s.p.a.

Al 31 marzo 2022, il gruppo ha realizzato ricavi consolidati pari a 289 milioni di euro (+23,2% a cambi correnti e +20,6% a cambi costanti) rispetto ai 235 milioni del primo trimestre 2021.

Il canale distributivo retail, invece, ha registrato ricavi consolidati a +15,8% rispetto allo stesso periodo del ‘21. Mentre il wholesale ha visto i ricavi aumentare del +40,2%.

Per quanto riguarda l’area Asia Pacifico, i ricavi hanno registrato un aumento dello 0,9% rispetto al primo trimestre 2021 e il rallentamento è dovuto agli effetti della pandemia da Covid-19, in particolare in Cina.

Il mercato giapponese, nel primo trimestre 2022, ha visto un incremento dei ricavi del +17,7%, mentre la regione EMEA registra un aumento del +41,3%, rispetto al primo trimestre dell’anno precedente.

Il Nord America ha registrato, nel corso del primo trimestre 2022, un aumento dei ricavi pari al +46,1%, rispetto al medesimo periodo del ‘21. Il Centro e il Sud America ha evidenziato nel primo trimestre ‘22 un aumento dei ricavi del +52,3%, rispetto allo stesso periodo del 2021.