In questo articolo si parla di:

È fondamentale per ogni azienda italiana mantenere salde le proprie radici con uno sguardo, però, rivolto al futuro, e quindi all’evoluzione.

Questo risulta il mantra anche per Invicta che, per la SS 23, presenta una collezione di abbigliamento e zaini moderna, che si ispira ai trend del momento. Dopo più di un secolo, lo scopo del marchio è continuare nella sua crescita esprimendo la creatività individuale pur mantenendo il proprio heritage.

Quello che viene presentato è un total look che combina capi e zaini versatili pensati per qualsiasi occasione o necessità, e si divide in tre linee principali.

Heritage è quella che rappresenta fino in fondo il percorso stilistico di Invicta ed è proprio qui che i pezzi tipici del brand diventano evergreen e sempre più moderni. Nuove forme e dimensioni sia per capispalla che per la maglieria.

Poi c’è la linea Legacy che, attraverso il claim “less is more”, offre prodotti puliti, funzionali e dalle linee semplici che richiamano lo stile urban e minimale, appunto. I dettagli, però, fanno la differenza. Per l’uomo le forme essenziali sono impreziosite da particolari tridimensionali e multitasking. Anche per la donna viene proposta questa forte personalità. A completare il tutto sono gli zaini che risultano capienti, comodi e pratici.

Infine si trova Trend, ultima ma non per importanza. Questa è la più colorata, contemporanea e giovane ed è adatta per chiunque viva la vita da protagonista indossando capi iconici e riconoscibili. Qui lo streetwear e l’arte creano un mondo condiviso, unico e personale fatto di nuance accese, sgargianti e neon su linee morbide e dalla vestibilità genderless.

Inoltre, “Invicta mantiene il proprio impegno per l’ambiente con Re-Ordinary, il progetto grazie al quale la maison piemontese prosegue e sostiene una produzione sempre più green, utilizzando tessuti sostenibili come poliestere e nylon riciclati. Le due linee di zaini, Legacy e Trend, sono interamente prodotte in tessuto 100% poliestere taffetà riciclato (rPET) certificato GRS”, conclude una nota ufficiale.