In questo articolo si parla di:

Cilento 1780, storico atelier napoletano, riconosciuto nel mondo come massima espressione d’eccellenza sartoriale, inaugura oggi, 18 ottobre, la prima boutique monomarca meneghina. E per farlo ha scelto una location prestigiosa, in via Fiori Oscuri 13, spazio che era già sede dell’Antica Farmacia Brera. A capo del brand sartoriale c’è Ugo Cilento, deus ex machina della maison,  che rappresenta l’ottava generazione di una famiglia con profonde radici nel tessuto partenopeo. La ristrutturazione dei locali rispettano gli elementi storici che hanno ospitato la Spezieria Brera prima e poi l’illustre farmacista Carlo Erba.

Ugo Cilento, deus ex machina di Cilento 1780

Oggi nella boutique, accanto ad una vasta gamma di antichi cimeli della Farmacia trovano spazio arredi e oggetti dell’atelier di Ugo Cilento. Una cornice ideale per esporre i capi iconici di Cilento 1780. Dalle cravatte ai foulard dalle sciarpe ai pullover, dalle scarpe ai tessuti per gli abiti, alla camiceria e ai capi tailored. Anche in versione femminile.

In occasione dell’inaugurazione della boutique, è stata lanciata sul mercato la prima cravatta e il primo foulard in purissima seta, dedicati alle erbe officinali. Un omaggio alle origini della location ma anche al vicino Orto Botanico, oasi verde nello storico quartiere Brera, dove da secoli si coltivano le erbe medicinali.

L’azienda Cilento ha chiuso il 2021 con un fatturato 1,5 milioni di euro, nel primo semestre dell’esercizio in corso ha registrato una crescita dell’export pari al 15% verso i suoi mercati di riferimento, Giappone in testa. Notevoli le performance di vendite anche negli Stati Uniti e in Europa, con Francia, Regno Unito e Spagna in pole position. L’atelier è fornitore ufficiale della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie e della Real Casa Savoia.