In questo articolo si parla di:

AT.KOLLEKTIVE presenta la sua seconda stagione. Natacha Ramsay-Levi, Isaac Reina, Kostas Murkudis e Bianca Saunders tornano con il progetto che punta a concepire una nuova moda, attraverso l’uso della pelle.

Dopo una prima collezione a celebrazione dell’artigianato, del design, dell’espressione creativa e dell’abilità tecnica, la piattaforma di scambio creativo AT. KOLLEKTIVE continua la sua indagine all’interno dell’universo dell’innovazione tecnica con Season 2, collezione incentrata sull’utilizzo della pelle e realizzata sotto la guida di ECCO Leather. Come la precedente, anche questa collezione ha visto protagonisti 4 designer della scena internazionale.

 

La stilista francese Natacha Ramsay-Levi

Ama giocare con i codici della moda e con la storia dei classici della pelle e, in questa stagione, propone nuove rivisitazioni di stili di calzature molto amati: zoccoli, sneaker con tacco, stivali piatti e con tacco. Queste creazioni dimostrano la sua abilità nel giocare con le proporzioni, la forma e la funzione. Ramsay-Levi è affascinata dai contrasti: dall’interazione tra elementi naturali e industriali, tra rurale e urbano, tra patrimonio e moderno. Tali contrasti sono insiti nella storia della pelle e Ramsay-Levi ha scelto di abbracciare la bellezza di queste contraddizioni nelle stampe che attraversano la collezione. Le stampe sono caratterizzate da un’audace gamma di colori vivaci e neon che offrono umorismo e carattere.
La collezione è ricca di proposte intriganti e dettagli inaspettati, che mettono in luce le diverse abilità tecniche di AT.KOLLEKTIVE. Tra queste, la realizzazione di toni fluo su pelli naturali e la progettazione ingegneristica di una scarpa che presenta un suggestivo nodo metallico sul tallone, un’impresa molto complessa.

Natacha Ramsey Levi @ AT.KOLLEKTIVE

Bianca Saunders, campaign by Drew Vickers

AT.KOLLEKTIVE: il creativo spagnolo Isaac Reina

Spingere al massimo le capacità degli esperti di pelle, creando sneakers straordinariamente raffinate e create a partire da singoli pezzi di pelle, apportando il minor numero possibile di cuciture, con solo un’unica piega e una linea di cucitura su ciascun lato dei lacci. Ecco la sintesi dello spagnolo Reina, noto per la purezza e la semplicità dei suoi modelli, che per questa stagione abbraccia il cambiamento ed esplora una nuova strada, a tratti più nuova ed eccentrica, concentrata sui dettagli, su momenti intriganti che prendono vita in ogni pezzo, dalle superfici intrecciate delle borse alle curve eleganti, anche se anticonformiste, del tacco a blocco di un sandalo da donna.

Isaac Reina @ AT.KOLLEKTIVE

 

AT.KOLLEKTIVE: Il tedesco Kostas Murkudis

Anche lui ha osare con qualcosa di nuovo per questa stagione, creando pezzi decisamente tridimensionali, definiti da curve, cupole e sfere architettoniche. La sua è una collezione molto personale, che fa riferimento ad alcuni luoghi, panorami e ricordi formativi della sua giovinezza nella Germania dell’Est. Nel realizzare questa collezione, si è ispirato soprattutto ai contrasti che ha incontrato crescendo, tra il minimal o l’austero e il barocco – i diversi mondi e identità in competizione e le visioni socio-politiche che hanno plasmato il suo ambiente. I toni di questa collezione sono personali: il grigio, il blu e il rosa strizzano l’occhio agli ultimi colori del design automobilistico e quindi all’industria, un’altra caratteristica fondamentale della Germania dell’Est come la ricorda Murkudis. Attratto soprattutto dal rosa polveroso e macchiato che attraversa tutta la collezione e che ricorda soprattutto le strade della sua giovinezza. Lo spirito vagamente punk e gotico di questi toni è completato dai capi, tra cui un abito skinny che è allo stesso tempo contemporaneo e senza tempo.

Kostas Murkudis @ AT.KOLLEKTIVE

AT.KOLLEKTIVE: la designer londinese Bianca Saunders.

Ispirata alla qualità dei materiali intrinseche della pelle, alla sua morbidezza e malleabilità la designer di abbigliamento maschile londinese punta sulle scarpe, punto di forza di questa stagione, con mocassini e stivali. Caratterizzate da eleganti pieghe e spacchi che parlano delle possibilità cinetiche della pelle quando si tratta di drappeggiare e modellare, le borse sono disponibili in un’ampia gamma di dimensioni e stili, a testimonianza della capacità della pelle di trascendere le occasioni, gli eventi e i contesti, adattandosi a ogni momento della giornata. Gli indumenti, tra cui un cappotto e dei pantaloni, sono progettati per muoversi con il corpo, avvolgendo a cascata chi li indossa.

Bianca Saunders, campaign by Drew Vickers

 

Insieme, le quattro collezioni costituiscono una vetrina della migliore pelletteria immaginabile. Ogni collezione unica – e ogni oggetto unico e desiderabile – sono riuniti in una campagna fotografica scattata da Drew Vickers. Le immagini mettono in risalto la qualità dei pezzi e le visioni uniche e variegate di ciascun designer, che hanno potuto svilupparsi grazie al dinamismo di questo progetto speciale e solidale – una fabbrica di idee unica che mette al primo posto il design e i materiali.

Il collettivo

AT.KOLLEKTIVE è una proposta radicalmente nuova per la creazione di moda di lusso, interni e articoli per la casa. Sfidiamo il rapporto tradizionale tra produttori, designer e clienti. Siamo una piattaforma di scambio creativo tra i leader del design, che li mette in contatto attraverso l’eccellenza dei materiali e l’innovazione della pelle. Aprendo le porte di una delle concerie più innovative del mondo, sosteniamo la creatività dei designer e li invitiamo a esplorare. Ogni collezione viene elaborata in una gamma mirata di pezzi chiave e ogni articolo è realizzato con lo stesso materiale di alta qualità.