In questo articolo si parla di:

All’interno degli spazi del Superstudiopiù in via Tortona 27 a Milano, in concomitanza con le iniziative dedicate al trentennale di Decathlon, si è tenuta la presentazione di lancio di Open Innovation per il Textile Sustainability del Cluster Nazionale Made in Italy (MinIt).

La particolarità di questo progetto è rappresentata dall’implementazione di uno scouting internazionale di innovazione su una componente significativa della filiera tessile. Ma anche dalla raccolta di una comunità di partner qualificata del mondo della ricerca, del tessile, dei player dell’innovazione e di soggetti territoriali.

A partecipare all’incontro sono stati numerosi esponenti della stampa, del mondo della ricerca, manager di impresa, del settore tessile e soggetti operanti nel technology transfer e sui temi della sostenibilità.

Il progetto

Ad aprire la presentazione della Open Innovation Call for Textile Sustainability è stata la presidente del Cluster MinIt, Silvana Pezzoli. Il suo intervento introduttivo ha toccato i principali obiettivi dell’iniziativa e l’importanza del tema green per l’industria del made in Italy.

A seguire, Pierpaolo Rotondi, r&d manager di Decathlon Produzione Italia, si è soffermato su una serie di iniziative dell’azienda volte a favorire la sostenibilità nei processi produttivi.

L’intervento di Marco De Silvestri, responsabile sales & marketing della Business Area Advanced Textile Solutions di RadiciGroup, ha sottolineato l’importanza della creazione del consorzio Radici InNova per portare avanti le attività di ricerca e innovazione all’interno del Gruppo.

Inoltre, ha presentato la strategia di sostenibilità della Business Area Advanced Textile Solutions, che si concretizza con un’ampia gamma di prodotti tessili a basso impatto.

Infine, il direttore del Cluster made in Italy, Giuseppe Iacobelli, ha focalizzato il suo intervento sulla presentazione delle principali caratteristiche del progetto che, a partire da oggi e nei prossimi mesi, svilupperà uno scouting internazionale e che, come chiusura, offrirà un “Connection Lab” per attivare sinergie per i progetti champion selezionati e le corporate promotrici.