In questo articolo si parla di:

La nuova linea di calzature da trail running di Nike sarà protagonista delle suole dal design esclusivo di Vibram. Nasce così una collaborazione tra i due e il primo prodotto creato è la Nike Ultrafly Trail, novità assoluta nel mondo del trail running.

“Nel 2021, i designer di scarpe Nike hanno collaborato a stretto contatto con gli atleti d’élite Nike Trail per realizzare una scarpa di alta qualità, specifica per il trail running. Consapevoli del fatto che gli atleti necessitano di ottime prestazioni di grip e di alti livelli di trazione su terreni sconnessi, i designer di Nike e Vibram hanno unito le forze per mettere l’esperienza al servizio dell’ultima novità di Nike Trail”, si legge in una nota ufficiale.

Tra innovazione e tecnologia

Ultramoderna, elegante e con ottime prestazioni in termini di grip e velocità. La scarpa coniuga la tecnologia di punta di Nike con le esclusive innovazioni di Vibram per offrire ai runner le migliori performance. Necessarie per affrontare i percorsi più impegnativi a un ritmo elevato.

“Siamo entusiasti di collaborare con Nike, un brand che condivide la nostra stessa passione per l’eccellenza. Insieme, stiamo ampliando la community del trail running, coniugando le apprezzatissime innovazioni di Vibram con le scarpe da running Nike, famose in tutto il mondo”, ha dichiarato Fabrizio Gamberini, global chief brand officer e presidente di Vibram Corp.

Con l’Ultrafly, per la prima volta un modello Nike Trail include un Flyplate in carbonio, inserito tra la schiuma ZoomX e la midsole rivestita in tessuto. Il battistrada introduce la tecnologia Litebase di Vibram in una scarpa Nike Running, offrendo ai trail runner un battistrada agile dal design leggero. Con la pluripremiata tecnologia Vibram Traction Lug e l’esclusiva mescola Vibram Megagrip.

“La Nike Ultrafly Trail è un esempio straordinario della fiducia che le nostre aziende ripongono nel potere della collaborazione. Per offrire agli atleti una tecnologia per il trail running che si spinge oltre i confini dell’innovazione”, conclude Gamberini.