In questo articolo si parla di:

Dal 21 febbraio 10 Corso Como aprirà al pubblico i primi spazi ripensati dall’agenzia interdisciplinare 2050+, sotto la guida di Tiziana Fausti: la Galleria e la Project Room.

Arti visive, moda, design e panorama editoriale, s’intrecciano in un unico spazio, creando un’esperienza inedita di scoperta per il visitatore.

10 Corso Como assume una nuova identità, mantenendo il carattere industriale di inizio XX secolo.

La Galleria e la Project Room sono concepite come uno spazio in cui tutto ciò che avviene al suo interno è mobile e componibile.

Nella Galleria, in concomitanza con la Fashion Week Donna di febbraio, sarà inaugurata “Happy Birthday Louise Parker”, una mostra personale dell’artista americano Roe Ethridge. Il progetto, curato da Alessandro Rabottini, è la prima esposizione in Italia dedicata a una delle voci più personali della fotografia internazionale, che attraverso la sua visione stabilisce un profondo dialogo tra arte e moda, memorie personali e storia della fotografia.

Pur nella diversità dei soggetti, Ethridge affronta ciascuna immagine con lo stesso approccio, sottoponendo il proprio vissuto e l’immaginario della moda a un processo stilistico e concettuale.

La Project Room apre al pubblico con una nuova configurazione che spazia dall’editoria all’arte e al design. Una selezione di libri rari, accompagnata da riviste di culto, con l’esposizione di design sviluppata da Domitilla Dardi. Oggetti decorativi, tableware, complementi d’arredo fino ai piccoli oggetti di interior, accomunati da una grande attenzione al dettaglio e alle storie che il design editoriale e d’autore porta con sé.

In occasione dell’apertura la mostra d’archivio di Pietro Consagra, designer di gioielli per il viso e il corpo che oltrepassano il fine estetico. Maschere che conferiscono una nuova espressività al volto e alludono alla rivolta della donna contro gli stereotipi a lei assegnati dalla società maschile.