In questo articolo si parla di:

White Milano torna in scena, dal 22 al 25 febbraio, negli spazi di Tortona Fashion District. Presenzieranno all’evento buyer internazionali, fashion editor e addetti al settore che analizzeranno le nuove collezioni FW 24/25 donna prêt-à-porter.

“In un’industria della moda ormai globale e altamente competitiva, le piccole e medie aziende del settore cercano spazi espositivi come rampa di lancio. Per questo Saloni come ‘White’ svolgono l’importante funzione di offrire un palcoscenico a brand meno conosciuti di marchi già famosi, ma dalle alte potenzialità. A ‘White 2024’ vedremo in mostra tra le altre, le creazioni di circa 40 imprese lombarde del fashion, in questa edizione ispirata al tema “Donne, magiche creature”. Presenti anche tanti marchi esteri, perché è indubbio che chi vuole avere successo nel comparto della moda, deve passare per il capoluogo lombardo, Milano. È da qui che partono le nuove tendenze per la prossima stagione. La moda è la seconda industria d’Italia e “abita” in Lombardia, dove operano 28 mila imprese che muovono un giro d’affari di circa 26 miliardi di euro” dichiara Barbara Mazzali, assessore a Turismo, Moda e Marketing Territoriale di Regione Lombardia.

L’evento ha il patrocino di Regione Lombardia del Comune di Milano, con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), di ICE, Agenzia per la Promozione all’Estero e l’Internazionalizzazione delle Imprese Italiane e la partnership di Confartigianato Imprese.

Circa 300 aziende provenienti da tutto il mondo presenteranno le proprie collezioni nelle location del Superstudio (Via Tortona 27), BASE Ex Ansaldo (Via Tortona 54) e Padiglione Visconti (Via Tortona 58).

Fin dai suoi esordi White supporta la nuova generazione moda, che si contraddistingue per originalità e impegno nella sostenibilità, ed è una vetrina per diverse realtà consolidate.

Il tema di questa stagione, ideato da Massimiliano Bizzi, è “Women… Magical Creatures”. Il concept si sofferma sul valore e l’importanza della figura della donna, da sempre grande protagonista della moda.

“Penso che sia evidente a tutti che stiamo attraversando un momento di importante cambiamento e noi oggi come gruppo siamo più attenti ed impegnati all’evoluzione strategica dei progetti, in linea con il cambiamento stesso, piuttosto che soltanto al raggiungimento di grandi numeri. Spero e mi auguro che Milano colga l’opportunità di assecondare questa trasformazione e la comprenda per diventare l’indiscutibile capitale della moda europea”, afferma Massimiliano Bizzi fondatore e art director di White.

Tra i numerosi progetti, uno di quelli di maggior successo e rilevanza mediatica è quello delle Secret Rooms :cinque stanze nascoste nelle quali altrettanti talenti internazionali di nuova generazione presentano le proprie collezioni. Tra i brand: Alberto Ciaschini, Samanta Virginio, Miaoran, Yangkehan, Prototype:Am.

“In un momento complicato come questo, non è scontato mantenere intatto il proprio dna. C’è ancora una grande difficoltà economica nel settore moda e molti sono i cambiamenti in atto. Per White non scostarsi dai propri valori resta una priorità. È indispensabile continuare a portare la giusta selezione di creatività, la massima qualità mantenendo una proposta allettante per il mercato. Non è semplice evitare di cadere in tentazione ad esempio portando avanti progetti riempitivi per seguire i numeri o fare del puro business ma preferiamo essere fedeli a noi stessi e credere nei brand che finora hanno creduto in noi e continuano a farlo”, afferma Simona Severini general manager di White.

In questa edizione sarà presente anche la selezione di designer spagnoli presentati con la collaborazione pluriennale con ICEX España Exportación e Inversiones. I brand coinvolti appartengono a differenti categorie merceologiche che spaziano dall’abbigliamento all’accessorio. I marchi spagnoli sono: Toral, Henry Arroway, Chie Mihara, Flabelus, Surkana, Yerse, Augusta, The Extreme Collection e Anel Rinat.

Particolare attenzione allo spazio Lounge, che ospita esclusivamente la nuova collezione di Yume Yume.

Altra importante collaborazione internazionale è quella con Kfashion82. Una piattaforma coreana di vendita B2B, lanciata nel maggio 2023 e gestita dal famosissimo department store Shinsegae, primo promotore della moda coreana. Il suo scopo è quello di far conoscere soprattutto i marchi emergenti e i nuovi talenti a tutto quel panorama di professionisti del settore moda. In occasione di White saranno presenti le collezioni di 6 brand (Ryu Classic, Jiminlee, Liberadd, Kimoui, Hannah Shin e Man.G) già ben posizionati all’interno del loro mercato locale e adesso pronti ad affacciarsi verso nuove opportunità.

Fin dai suoi esordi White supporta la nuova generazione moda, tra questi: Lanhtropy, No44,  Oyuna, Benedetti Life, Zona20 Milano, Osci lab, Kasei Archive.

Sul fronte degli accessori si riconferma la presenza di Gava, Numero 10, Pleiades, Alessandra Milano e LaMilanesa.

All’interno del Superstudio si trovano le Loft, dove prosegue la collaborazione tra Avant Toi e Stefano Mortari. Gli spazi sono personalizzati dai singoli designer che offrono la possibilità agli ospiti di immergersi all’interno del racconto sviluppato dal brand. Tra i brand presenti: M1978, Vuscichè, Vanderwilt.

Alcuni marchi preferiscono specializzarsi in una sola tipologia di prodotto o collezioni di piccole dimensioni. Così facendo possono garantire la migliore qualità sia in termini di produzione che di creatività. La selezione di questi brand è allocata nel Suk, open space ormai consolidato all’interno del salone.

White continua a promuovere prestigiosi progetti culturali legati alla sostenibilità. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO) presenta una speciale mostra fotografica. Il tema dell’esposizione è la moda rapportata alla sfida globale dei rifiuti tessili. La mostra, progettata dagli studenti dell’Accademia CasaModa di Casablanca (Marocco) è allestita negli spazi del Superstudio. Il progetto, sviluppato nell’ambito del programma SwitchMed, ha coinvolto designer internazionali che hanno introdotto gli studenti alle tecniche di design circolare e alle pratiche di upcycling.

Tra gli eventi organizzati in collaborazione con White: il pop-up store di Pence 1979 all’intero della rinomata luxury boutique 10 Corso Como, a Milano.

Torna anche il WHITE Village che propone una seconda stagione ricca di eventi e attività che coinvolgono partner d’eccezione come Albini Group, Mesmerize, BioQitchen e molti altri.

Nell’area White Casa, all’interno del White Garden, e nella zona Daylight  sono presenti i progetti in collaborazione con BioQitchen. Azienda dall’anima green del gruppo HQ Food and Beverage, nato dall’intuizione di Mauro Benincasa.