In questo articolo si parla di:

La casa di moda romana fondata da Valentino Garavani, Valentino, portatrice indiscussa di eleganza senza tempo nel mondo, annuncia la fine della collaborazione con Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison dal 2016.

“Sono grato a Pierpaolo per il suo ruolo di direttore creativo e per la sua visione, impegno e creatività che hanno portato la maison Valentino a quello che rappresenta oggi” afferma in una nota Jacopo Venturini, ceo della maison.

Nel 2016 Piccioli è rimasto l’unico direttore creativo di Valentino a seguito dell’addio di Chiuri, che oggi dirige la maison Dior, contribuendo a portare l’azienda a 1,4 miliardi di euro di ricavi nel 2022 e ridisegnando l’identità di un marchio iconico attraverso la ridefinizione dei suoi codici stilistici.

“Non tutte le storie hanno un inizio e una fine, alcune vivono una specie di eterno presente che brilla di una luce intensa, così forte da non lasciare ombre. Sono stato in questa azienda per 25 anni, e per 25 anni sono esistito ed ho vissuto insieme alle persone che con me hanno intessuto le trame di questa storia bella che è mia e nostra. Tutto è esistito ed esiste grazie alle persone che ho conosciuto, con cui ho lavorato, con cui ho condiviso sogni e creato bellezza, con cui ho costruito qualcosa che appartiene a tutti, e che resta immutabile e tangibile”, ha scritto Piccioli nella nota congiunta con l’azienda.

Dopo l’annuncio dell’uscita di scena di Pierpaolo Piccioli, Valentino inizia a fare chiarezza sul futuro e rende noto che la maison diserterà le sfilate di giugno dell’uomo e della couture, in attesa della definizione di un nuovo assetto creativo.

“A seguito della recente comunicazione di una riorganizzazione della direzione creativa del marchio, Valentino conferma che non presenterà gli imminenti show uomo, Spring-Summer 2025 e haute couture Fall-Winter 2024”, si legge in una nota.

Secondo rumor insistenti, potrebbe essere Alessandro Michele, inestinguibile direttore creativo della golden age di Gucci, il successore del designer nato a Nettuno.

“Questo patrimonio d’amore, di sogni, di bellezza e di umanità, lo porto con me, oggi e per sempre. Questa è la bellezza che abbiamo creato, è vita, speranza, opportunità e gratitudine, è la mia gente, il mio cuore, è l’amore che ti regala tutte le possibilità del mondo, soprattutto quelle che da solo non potresti immaginare. Grazie a ogni singola persona che ha reso possibile in un modo o nell’altro tutto questo, è stato un privilegio e un onore condividere il mio percorso, e i miei sogni, con voi. E grazie al Sig. Valentino e a Giancarlo Giammetti che mi hanno consegnato i loro”, conclude Pierpaolo Piccioli.