In questo articolo si parla di:

Il Consiglio di Amministrazione di Giglio.com S.p.A., società attiva nel settore della vendita online per la moda di lusso multimarca su scala globale, ha approvato i risultati dell’anno 2023 redatti secondo i principi contabili nazionali OIC.

“Il 2023 è stato caratterizzato da una repentina ed imprevista normalizzazione della domanda del lusso, soprattutto per il canale online, che ha messo a dura prova un’intera industry, confermando, di contro, la resilienza del business model, dalle caratteristiche uniche, di Giglio.com. I tassi di crescita a due cifre nonché una profittabilità ulteriormente migliorata e oramai prossima al break-even, grazie ad un secondo semestre 2023 nel quale questo target è stato già raggiunto, confermano e rafforzano le nostre ambizioni di medio-lungo periodo”, ha commentato Giuseppe Giglio, presidente e amministratore delegato di Giglio.com.

La Società ha realizzato ricavi delle vendite e delle prestazioni pari a 56,3 milioni di euro, in crescita del 10% rispetto al 2022.

Fra le motivazioni che hanno contribuito a tale performance vi è: la crescita dell’offerta di prodotto, l’apertura del nuovo logistic & shooting hub di Palermo che ha consentito di incrementare notevolmente la capacità di evasione degli ordini e la qualità dei prodotti, con un valore medio del venduto in crescita del 7% rispetto al 2022.

La domanda invece ha visto la customer base superare i 153.000 clienti attivi negli ultimi 12 mesi, grazie all’effetto congiunto di un ottimo +16% nell’acquisizione di nuovi clienti rispetto al 2022. Inoltre, le strategie di penetrazione dei mercati europei stranieri hanno registrato una crescita del GMV pari al 66% con risultati particolarmente brillanti in Germania, Francia, Paesi Bassi, Austria e Grecia.

Il 2023 è stato inoltre caratterizzato da importanti eventi per la Società che hanno inciso sui volumi di vendita. Fra questi, l’ingresso nella moda circolare grazie ad una partnership strategica stretta con Vestiaire Collective. E il lancio della mobile APP ha portato con sé notevoli ottimizzazioni alla UX del canale mobile, determinando così un incremento del tasso di conversione del 4% rispetto allo scorso anno. Infine, nel mese di novembre la Società ha aperto un nuovo dipartimento dedicato a Design e Lifestyle.

L’Adjusted EBITDA Margin chiude a –0,4%, confermando un recupero di profittabilità di 1,6 punti rispetto al 2022 e 3,1 punti rispetto al 2021.

Le principali motivazioni a spiegare questo trend positivo sono:

– marginalità delle vendite decisamente migliorata grazie allo sviluppo dei mercati internazionali e alla razionalizzazione delle politiche di pricing e sconto. L’incidenza del costo del prodotto sui ricavi chiude il 2023 a 29,1% contro il 27,7% del 2022.

– costi variabili efficientati e razionalizzati: trasporto, handling, packaging, commissioni bancarie e di pagamento.

L’EBIT6 è pari a -1,6 milioni di euro rispetto a -2,2 milioni di euro del 2022. Il Risultato Netto è pari a -1,7 milioni di euro rispetto a -2,3 milioni di euro del 2022. Il Patrimonio netto ammonta a 9,3 milioni di euro.

La Posizione Finanziaria Netta (PFN) Adjusted al 31 dicembre 2023 è pari complessivamente a 7,1 milioni di euro rispetto a 11,9 milioni di euro al 31 dicembre 2022.

Il 29 giugno 2023, la Società ha annunciato l’inizio della partnership con Vestiaire Collective, leader internazionale della moda second-hand. In particolare, gli utenti hanno la possibilità di vendere i propri capi usati a Vestiaire Collective e ricevono in cambio un voucher da spendere sul sito Giglio.com, per acquistare articoli nuovi, del valore pari al valore dell’articolo venduto, maggiorato di un ulteriore 10% offerto da Giglio.com.

In data 1° agosto 2023 è stato avviato il programma di acquisto di azioni proprie in esecuzione della delibera dell’assemblea ordinaria degli azionisti del 26 luglio 2023.

Il numero massimo di azioni acquistate, tenuto conto delle azioni Giglio.com S.p.A. di volta in volta detenute in portafoglio dalla Società, non potrà essere complessivamente superiore al 20% del capitale sociale della Società.