In questo articolo si parla di:

Due nuovi spazi per Louis Vuitton in Rinascente Milano. Il marchio francese continua la sua espansione all’interno del department store milanese di piazza Duomo, con l’apertura di due nuovi spazi, uno dedicato alla collezione womenswear e uno al menswear, rispettivamente al primo e terzo piano.

La maison ammiraglia della holding Lvmh ha inaugurato due store all’interno del multribrand, rinnovando il suo legame con la storica insegna oggi controllata dalla thailandese Central Group. Nell’edificio di piazza Duomo, la griffe francese ha aperto due spazi dedicati uno alle collezioni moda uomo e l’altro alle proposte per la donna, rispettivamente al primo e al terzo piano.

Il progetto abbraccia l’identità storica dell’istituzione dello shopping milanese mantenendo i trademark del marchio del colosso del lusso, con due punti vendita che differenziano per stile ed estetica rimanendo in linea con la visione maschile del direttore creativo Pharrell Williams e femminile che mantiene invece la filosofia creativa di Nicolas Ghesquière.

Gli spazi sono definiti dalla presenza di arredi vintage del design italiano, dallo spiccato gusto che miscela lo stile italiano degli Anni ’50 al quello degli Anni ’70. Tanti gli oggetti dell’archivio storico di Louis Vuitton e opere d’arte presenti, tra cui poster dell’artista contemporaneo danese Rune Elmegaardn, stampe del celebre fotografo statunitense Steve McCurry e quadri del pittore tedesco Marc Klein.

Louis Vuitton: due nuovi spazi in Rinascente Milano

Tra le creazioni della collezione donna, calzature e gioielli, situate al terzo piano, spiccano tessuti e stampe dai colori brillanti e fantasie etniche geometriche, tra cui dei tessili dell’artista e designer iraniana-francese India Mahdavi, che ha già collaborato con la maison per la collezione Objets nomades. Un dettaglio peculiare e dato dai rivestimenti murali, Dots, dell’architetto e urbanista francese Le Corbusier: un innovativo tessuto non tessuto puntinato a rilievo, basato sulla teoria “Polychromie architecturale” dell’artista.

Le collezioni uomo invece si trovano al primo piano, dove si cambia registro stilistico, con una palette cromatica vibrante caratterizzato infatti da una predominanza di blu.  Abbigliamento, borse e piccola pelletteria, calzature, accessori e fragranze, sono protagonisti assieme a un allestimento fatto di arredi ricercati e di design, che mettono in risalto il know-how italiano, donando dinamismo e raffinatezza allo store.

Tra i mobili è presente il tavolo Samo in marmo bianco, ideato dall’architetto e designer italiano di fama mondiale Carlo Scarpa e prodotto da Simon nel 1970. Per ricreare un ambiente elegante, ma al tempo stesso informale e confortevole, sono state scelte le poltrone Costela di Martin Eisler, icone vintage del design brasiliano degli Anni ’50, dall’estetica sensuale e dalla matericità naturale.