In questo articolo si parla di:

Cristiano Caucci, figura chiave alla guida di Tela Genova, porta avanti un marchio che non è solo sinonimo di jeans, ma di un’autentica eredità tessile.

Con una profonda radice nel mondo del lavoro e della tela, il brand incarna l’essenza di un tempo in cui la qualità e l’autenticità erano fondamentali.

Affrontare il futuro di un brand così intriso di storia implica rispetto per il passato e una visione chiara per il futuro. Cristiano Caucci si definisce il primo cliente del marchio, un approccio che guida l’intero processo creativo. Questa prospettiva consente di intervenire stilisticamente senza compromettere il dna del brand. L’evoluzione è continua, mantenendo saldi i valori fondamentali che hanno caratterizzato il marchio fin dai suoi esordi.

L’essenza del denim

Quando si parla del jeans ideale, Cristiano Caucci non ha dubbi: “Deve essere regolare, non lavato, con una lavorazione rigorosamente cimosata”.

Questa attenzione alla qualità si riflette nei capi più iconici di Tela Genova, come i rinse wash della capsule Four Seasons. Il focus è sul 100% cotone e sulla durabilità, consentendo un utilizzo frequente senza compromessi sulla forma o sugli odori.

Nel 2010, la famiglia di Cristiano Caucci gli ha passato le redini del marchio, dando inizio a un rilancio che si è perfezionato nel 2014. Nonostante l’heritage forte, il brand ha abbracciato una nuova era senza tradire le radici, trovando un equilibrio tra tradizione artigianale e innovazione industriale.

Materiali di primissima qualità come il deep blue di Kuroki, un selvedge 14oz, rappresentano l’anima della collezione, conservando un aspetto retró grazie a tecniche di produzione tradizionali.

Tela Genova non è solo un marchio di jeans; è uno stile di vita urbano che fonde elementi di workwear, military e navy in una sintesi globale, mantenendo la sua identità distintiva. L’ispirazione per i capi non viene solo dagli archivi storici e dai mercatini dell’usato, ma anche dalle esperienze di vita quotidiana.

In un panorama dominato dalla tecnologia, il marchio conserva un forte legame con l’artigianalità. Questo connubio tra tradizione e modernità conferisce autenticità e unicità ai capi, nonostante le sfide della produzione industriale. La sperimentazione è continua, con l’obiettivo di migliorare costantemente la qualità senza compromettere l’identità artigianale.

Responsabilità come mantra

La filosofia di Tela Genova si riassume nel mantra “produrre meno, produrre meglio”.

Questo si traduce in iniziative concrete come la presentazione di capi in limited edition “10years celebrative denim” in occasione di  Pitti Uomo, per un gruppo ristretto di rivenditori che ha creduto nel brand fin dai suoi esordi, riducendo l’impatto ambientale attraverso la produzione di capi che non necessitano di lavaggi frequenti e che mantengono la loro qualità nel tempo.

Cristiano Caucci e Tela Genova rappresentano un perfetto equilibrio tra eredità storica e visione futura, mantenendo l’autenticità artigianale nel cuore di ogni creazione. Con un focus costante sulla qualità e sulla responsabilità, il marchio continua a distinguersi nel panorama denim globale, senza mai perdere di vista le sue radici profonde.

di Valeria Oneto e Maria Pina Ciuffreda