In questo articolo si parla di:

Trasformare l’arte in un capo unico di haute couture. Questo è l’obiettivo principale del brand di alta moda sartoriale Giorgia Arcidiacono che inneggia la libertà di espressione creativa, la sostenibilità e l’artigianalità.

L’unica costante è il cambiamento e l’evoluzione: è questo il motore del brand di haute couture Giorgia Arcidiacono dove l’arte diventa mezzo d’espressione che mette in connessione il cuore con la mente. Un contenitore di espressioni stilistiche innovative che si connettono alla mutevolezza della moda, generando sperimentazioni e innovazioni in cui la creatività è libera di raccontarsi.

Chi è Giorgia Arcidiacono?

La stilista Giorgia Arcidiacono, laureata all’istituto Marangoni di Milano, dopo varie esperienze in aziende italiane del settore, nel 2018 crea il proprio brand per esprimere se stessa. Osserva con curiosità la società contemporanea e le sue interazioni con i diversi scenari culturali anche lontani. L’osservazione e la curiosità sono alla base della creatività di Giorgia Arcidiacono, ed unite ad una profonda conoscenza della storia del costume, contribuiscono a reinventare il concetto di modernità. La visione è guardare ad un futuro avanguardista senza perdere di vista il passato.

Il brand ha sede a Milano con il laboratorio sartoriale in Molise e produce solo pezzi unici di Haute Couture realizzati partendo dalla costruzione degli abiti del 1600 e 1700 ricontestualizzati nei giorni nostri e l’iconico corsetto ne è l’esempio: realizzato a mano e composto da tre strati, due di tessuto e uno di imbottitura. Per fornire sostegno e comfort, questo modello di corsetto utilizza una tecnica costruttiva di tipo seicentesco, che offre un ottimo effetto di sostegno e libertà di movimento, adattandosi perfettamente al corpo.

Una femminilità rinnovata. Tra passato, presente, futuro e nuove contaminazioni

La prospettiva del brand risulta fluida e pone al centro i principi etici e i valori fondamentali, quali la libertà d’espressione creativa, la reinterpretazione contemporanea dell’esistente, l’artigianalità e la valorizzazione delle persone. Il marchio è costantemente alla ricerca dell’eccellenza, perfezionando il lavoro quotidianamente, attraverso la passione, lo studio e la sperimentazione.

L’arte, la storia, l’architettura, il cinema e il teatro sono gli ambiti culturali da cui Giorgia Arcidiacono trae ispirazione per reinventare ogni suo capo: la trasformazione che è alla base di ogni evoluzione infatti ci consente di integrarci con ambiti culturali e temporali diversi, per essere protagonisti del cambiamento trasformando le richieste di mercato in azioni concrete.

I codici estetici del brand sono liberi da concetti preesistenti, spingendosi oltre il prodotto e vestendo la libertà e la femminilità emotiva. Il classico e l’innovativo si mescolano nella costante ricerca di nuove prospettive artistiche. L’avant-garde è la sua forma espressiva, definendo attraverso questo concetto una nuova concezione di eleganza moderna. Il bello e il concettuale si mischiano in un gioco costante tra passato, presente e futuro, generando una nuova espressione di femminilità, associata non solo alla delicatezza e alla bellezza ma anche alla forza e alla determinazione.

Inoltre, il brand punta a mantenere un equilibrio con l’ambiente, promuovendo la scelta di fibre naturali e di tessuti riciclati: seta o cotone rifiniti a mano e prodotti in piccole collezioni, per evitare lo spreco nel rispetto dell’ambiente; Ogni capo è creato e prodotto su misura del cliente e questo permette di evitare la sovrapproduzione, lavorando solo su ordinazione. Per la creazione dell’iconico corsetto, Giorgia ha pensato ad un prodotto che rispettasse allo stesso tempo i canoni della sartoria italiana, il made in Italy e l’ambiente, attraverso la scelta di tessuti solo italiani e a chilometro zero e una produzione Italiana per evitare l’inquinamento legato alle spedizioni internazionali. Inoltre, predilige tessuti naturali e rispettosi dell’ambiente, come il cotone e la seta.

In equilibrio con l’ambiente

Il brand punta a mantenere un equilibrio con l’ambiente, promuovendo la scelta di fibre naturali e di tessuti riciclati: seta o cotone rifiniti a mano e prodotti in piccole collezioni, per evitare lo spreco nel rispetto dell’ambiente.

Ogni capo è creato e prodotto su misura del cliente e questo permette di evitare la sovrapproduzione, lavorando solo su ordinazione. Per la creazione dell’iconico corsetto, Giorgia ha pensato ad un prodotto che rispettasse allo stesso tempo i canoni della sartoria italiana, il made in Italy e l’ambiente, attraverso la scelta di tessuti solo italiani e a chilometro zero e una produzione Italiana per evitare l’inquinamento legato alle spedizioni internazionali. Inoltre, predilige tessuti naturali e rispettosi dell’ambiente, come il cotone e la seta.

Un pop up esclusivo nel cuore di Milano

Lunedì 8 e martedì 9 luglio Giorgia Arcidiacono, brand di Haute Couture sartoriale che inneggia la libertà d’espressione creativa, la sostenibilità e l’artigianalità, presenta il brand e apre la vendita privata della collezione 2023 con un evento di due giorni in una location esclusiva nel rinomato quartiere Moscova di Milano, in via San Fermo 5.

Libertà d’espressione creativa, reinterpretazione contemporanea dell’esistente, artigianalità e valorizzazione delle persone: sono questi i valori del brand Giorgia Arcidiacono, un brand contaminato da diverse forme d’espressione artistica come l’arte, la storia, l’architettura, il cinema e il teatro sono infatti gli ambiti culturali da cui Giorgia Arcidiacono trae ispirazione per reinventare ogni suo capo.

                          Un gioco tra passato presente e futuro che genera una nuova espressione di femminilità: i codici estetici del brand sono liberi da concetti preesistenti, spingendosi oltre il prodotto e vestendo la libertà e la femminilità emotiva. Il classico e l’innovativo si mescolano nella costante ricerca di nuove prospettive artistiche. L’avant-garde è la sua forma espressiva, definendo attraverso questo concetto una nuova concezione di eleganza moderna. Il bello e il concettuale si mischiano in un gioco costante tra passato, presente e futuro, generando una nuova espressione di femminilità, associata non solo alla delicatezza e alla bellezza ma anche alla forza e alla determinazione.